Nuovo statuto per l’Associazione Octavia

130

L’Associazione Octavia ha approvato un nuovo statuto per valorizzare ancora di più le Terre di Mezzo e i loro Comuni.

associazione Octavia statuto
Nuovo statuto per l’associazione Octavia – Terre di mezzo

É di pochi giorni fa l’approvazione del nuovo statuto per l’Associazione Octavia, che ha l’obiettivo di restituire ai cittadini cultura e tradizioni del territorio “di mezzo” tra le Alpi, le Langhe e la Pianura.

“Non sempre il silenzio e la lontananza dai riflettori mediatici è cosa non buona; all’interno dell’Associazione c’è stato un periodo di riflessione e studio che ha portato alla stesura del nuovo statuto e alla sua successiva approvazione –fanno sapere da Octavia- Non è stato semplice far collimare le esigenze di tutti, ma il legame forte verso il proprio territorio e l’amore per le proprie tradizioni e la propria storia hanno fatto sì che si raggiungesse una linea comune“.

I Comuni di Octavia si alleano per il Commercio

Una delle prime novità è stata la nomina di un Comitato scientifico e un Comitato politico, aprendo l’associazione anche a esperti e studiosi esterni. Inoltre nel nuovo statuto è stata introdotta la figura del direttore che avrà il compito di guidare le scelte dei sindaci e, con il supporto dei due comitati, dovrà elaborare il progetto culturale e di gestione dell’associazione.

Questi i membri nominati all’interno del Comitato scientifico: Mario Guasti di Manta, Pier Giuseppe Banchio di Polonghera, Luisa Ghione di Torre San Giorgio, Alessandro Tonietta di Villafalletto, Andrea Righetti di Revello ed Enrico Bellino di Scarnafigi.

Grande successo per la “Caccia al tesoro nelle Terre di Mezzo”

Nel Comitato politico sono stati eletti invece Giovanni Gatti, sindaco di Moretta, Daniele Mattio, sindaco di Revello, e Daniela Costamagna, sindaco di Vottignasco.

Concludono da Octavia: “Adesso l’Associazione è strutturata e già si pensa ad un nuovo sistema di programmazione fatto di realtà concrete e mirate dove al centro di tutto non c’è il singolo, ma un vero desiderio di lavorare dal basso per una nuova crescita sociale e turistica del territorio, partendo dalle sue radici storiche e culturali”. 

L’ATL cuneese ospita fotografi e influencer nelle terre di Octavia