I Comuni di Octavia si alleano per il Commercio

135

I Comuni delle “Terre di mezzo”, in rete con l’Associazione Octavia, hanno aderito al bando regionale per la creazione dei distretti del commercio.

octavia commercio
L’iniziativa ha lo scopo di tutelare gli operatori del commercio dei piccoli Comuni

I diciassette Comuni della rete dell’Associazione Octavia hanno aderito al bando regionale dei distretti del commercio. Scarnafigi, in qualità di capofila, è supportata dunque dai Comuni di Cardè, Casalgrasso, Cavallerleone, Faule, Manta, Monasterolo di Savigliano, Moretta, Murello, Lagnasco, Polonghera, Revello, Ruffia, Torre San Giorgio, Villafalletto, Villanova Solaro e Vottignasco.

Il territorio delle Terre di Mezzo -che si estende ora per oltre 305 chilometri quadrati e comprende più di 28 mila abitanti- ha avviato da tempo un percorso di collaborazione su più fronti, partendo da quello culturale, turistico e di valorizzazione del territorio.

Il progetto che è stato presentato va nell’ottica di rafforzare ulteriormente la collaborazione coinvolgendo anche gli operatori del commercio e puntando a risolvere le criticità che i piccoli comuni stanno attraversando, con il rischio della desertificazione e della carenza di servizi essenziali per la popolazione.

Abbiamo voluto presentare un nostro progetto che fosse specifico e rivolto alle esigenze di questo territorio, fatto da comuni per lo più medio-piccoli, per salvaguardare la presenza commerciale, combattere la desertificazione e valorizzare il ruolo degli esercizi di paese, per la loro funzione, oltre che economica, anche sociale e di mantenimento dell’identità di questi territori”, commenta Riccardo Ghigo, presidente di Octavia e sindaco del Comune Capofila Scarnafigi.

Il progetto, sostenuto anche dalle Ascom di Saluzzo e Savigliano, è portato avanti di pari passo con un’attività in corso di realizzazione di creazione del marchio territoriale Terre di Mezzo, attraverso un lavoro di coinvolgimento delle aziende e operatori del territorio che certifichi la qualità e la dimensione identitaria dei prodotti e delle attività presenti nell’area, dove il commercio rappresenta l’anello di congiunzione per la promozione e la proposta al pubblico dei prodotti delle Terre di Mezzo.