Gaido e Pochettino cittadini onorari di Carmagnola

745

La cittadinanza onoraria di Carmagnola è stata conferita al missionario Fratel Beppe Gaido, di Casalgrasso, e all’imprenditore carignanese Tommaso Pochettino, fondatore dell’azienda agroalimentare Di Vita.

Beppe Gaido e Tommaso Pochettino cittadini onorari di Carmagnola
Beppe Gaido e Tommaso Pochettino, neo cittadini onorari di Carmagnola

La cittadinanza onoraria di Carmagnola è stata conferita a due persone che -seppur in maniera differente- hanno sviluppato importanti legami con la città.
Si tratta del missionario Fratel Beppe Gaido, di Casalgrasso, e dell’imprenditore carignanese Tommaso Pochettino, fondatore dell’azienda agroalimentare Di Vita.

La scelta di rendere Pochettino e Gaido cittadini onorari carmagnolesi è stata approvata all’unanimità dal Consiglio comunale nel corso dell’ultima seduta.
La proposta era partita dai consiglieri comunali di maggioranza Lorenzo Piana, Roberto Gerbino, Alberto Albani, Filiberto Alberto, Domenico La Mura, Paolo Sobrero, Domenico Tuninetti, Pasquale Sicilia, Giuseppe Quattrocchio e Diego Quaterni.

Fratel Beppe Gaido, nato a Casalgrasso nel 1962, è un religioso della Comunità dei Fratelli di San Giuseppe Cottolengo dal 1981. Ha frequentato il liceo classico “Baldessano” di Carmagnola, si è laureato in Medicina e Chirurgia e ha un diploma in Igiene e Malattie tropicali.

Come religioso ha prestato a lungo il suo servizio in Italia; dal 1997 è in Africa, prima in Tanzania poi in Kenya. Qui, a Chaaria, ha trasformato un piccolo dispensario in un ospedale, di cui è direttore. Oggi è un polo medico-chirurgico a cui fanno riferimento ogni anno oltre 60 mila pazienti, con 140 posti letto. Si prende anche cura di 53 disabili, ospiti della struttura e di numerosi orfani, per lo più figli di donne decedute durante il parto. Offre anche una clinica mobile e un servizio dentistico.
Fratel Gaido ha scritto anche diversi libri, con cui finanzia in parte le attività dell’ospedale (oltre alle tante donazioni provenienti dall’Italia) e ha creato negli anni una forte rete di volontariato.

Tommaso Pochettino è fondatore e amministratore delegato della Di Vita spa, azienda del settore industriale che oggi conduce insieme ai figli.

Di Vita, negli ultimi anni, ha incrementato il proprio fatturato, nonostante la crisi; esporta in tutta Europa e negli Stati Uniti, oltre a essere fornitore di grandi marchi internazionali di distribuzione.
L’azienda è nata nel 1969, come evoluzione della cooperativa Copra, fondata un decennio prima da alcuni produttori di peperone, per favorirne l’esportazione all’estero. Pochettino è stato anche presidente del Lions Club di Carmagnola e dell’Associazione Ex Allievi del liceo Baldessano.

La cerimonia di assegnazione della cittadinanza onoraria di Carmagnola a Pochettino si terrà già la settimana prossima, nel corso della seduta del 28 febbraio dedicata al bilancio di previsione.
Gaido invece la riceverà a settembre, forse nell’ambito della Fiera nazionale del Peperone 2019, quando il religioso farà ritorno in Italia.