Poirino, il Museo storico d’arte contadina sarà realtà

191

La Regione cofinanzierà con quasi 800 mila euro il Museo Storico dell’arte contadina, che verrà realizzato a Poirino. L’assessore ai lavori pubblici Sisca: “Un altro obiettivo raggiunto”.

museo Poirino
Il Museo sarà finanziato per l’84% dalla Regione Piemonte

Cascina Stuardi di Poirino diventerà Museo storico d’arte contadina. Il progetto sarà cofinanziato dalla Regione Piemonte, attraverso gli accordi di programma 2023-2025 per opere pubbliche di sviluppo locale, con un contributo di 787.347 euro su un totale di 937.318.

Cascina Stuardi sarà un museo etnografico con l’obiettivo di far conoscere, tramite reperti e materiali, la vita contadina di fine ‘800 e prima metà del’900, dai modi di vivere della quotidianità di casa, alle attività agropastorali e artigianali tipiche di quei tempi.

Una notizia che ci riempie di gioia. Da anni inseguivamo il finanziamento e la realizzazione di questo progetto -commenta l’Assessore ai lavori pubblici Marco SiscaOggi finalmente possiamo dire che l’Associazione per il Museo Storico di Poirino avrà il suo Museo, che offrirà un approccio coinvolgente alla cultura, attraendo turisti interessati alla storia rurale e fornendo ai ragazzi e adulti uno spazio per laboratori interattivi, arricchendo così l’esperienza dei visitatori.

Uno svincolo dell’A21 al Masio di Poirino per migliorare la viabilità locale?

Il Comune aveva partecipato negli scorsi mesi ad un avviso della Regione per il finanziamento di opere per lo sviluppo locale ed è risultato idoneo, insieme ad altri progetti, al finanziamento dell’opera. Il progetto sarà finanziato a seguito dell’approvazione da parte del CIPESS (Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica) del Programma Operativo Complementare (POC Piemonte 2014-2020) e dei Fondi Sviluppo e Coesione (FSC 2021-2027) per un totale di 56 milioni di euro di opere finanziate.

“Un museo storico d’arte contadine può diventare una tappa interessante per i turisti in cerca di esperienze culturali autentiche -si legge nella relazione dell’intervento- la presenza di un museo di rilevanza culturale può aumentare la visibilità dell’intera area, favorendo la promozione del territorio a livello nazionale e internazionale”.

Il Museo si articolerà su due piani con un’ala dedicata alla vita di casa e un’ala dedicata alle attività lavorative dell’epoca

L’edificio sarà articolato su due piani, nell’ala orientale sarà presente un ambiente domestico come testimonianza della vita contadina, mentre nell’area occidentale saranno esposti oggetti che racconteranno le attività del territorio: agricoltura e allevamento, ma non solo, anche lavorazione del ferro, del cuoio e della lana nonché le attività di filatura e cucito.

Città Metropolitana, un bando per valorizzare i piccoli Comuni