Prestiti: sempre più italiani li richiedono per acquisti hi-tech e green

1771

Il 2019 è stato un anno piuttosto positivo per quanto riguarda le richieste di prestito. A dimostrarlo sono i dati di settore, che mettono in luce diversi aspetti interessanti relativi alle tendenze degli italiani in fatto di finanziamenti.

prestitiElettromestici smart, impianti green e formazione

Le tendenze attuali parlano chiaro: gli italiani stanno prendendo sempre più in considerazione la possibilità di rendere la propria abitazione più efficiente da un punto di vista energetico, con tutte le conseguenze positive dal punto di vista ambientale e dei consumi. Secondo quanto emerge dai dati di settore relativi al 2019, infatti, gli italiani sono soliti richiedere un prestito per acquistare elettrodomestici intelligenti e dispositivi elettronici all’avanguardia (+21,4%) e per provvedere alla sostituzione di vecchi impianti per la casa con sistemi green per l’efficientamento energetico, facendo quindi un investimento a lungo termine capace di ripagare ampiamente i costi iniziali grazie al risparmio che questi nuovi impianti garantiscono.

Appaiono in crescita anche i prestiti per gli studenti: nel primo semestre del 2019 erano già stati superati 71 milioni di euro erogati per coprire le spese legate alla formazione, con un importo medio pari a 7.960 euro (+5% rispetto allo stesso periodo del 2018). In crescita anche la percentuale di richiedenti di età inferiore ai 25 anni (+7%), a dimostrazione di come i finanziamenti stiano prendendo piede anche tra i più giovani.

I fattori decisivi per l’erogazione

Conoscere alcuni fattori che di solito stanno alla base dell’accettazione o del rifiuto della richiesta di credito da parte delle banche permette di effettuare una richiesta adeguata, così da aumentare le possibilità che venga accettata. Per questo motivo chi è interessato a fare domanda per un prestito dovrebbe sfruttare tutti gli strumenti a disposizione. Si può ad esempio capire come ottenere un finanziamento su Prestiti.it, dove è possibile trovare diverse informazioni utili e approfondire l’argomento al meglio.

Tra i fattori che hanno maggior peso in questo senso troviamo l’affidabilità creditizia del richiedente, una caratteristica che viene valutata dalla finanziaria in fase istruttoria con un giudizio, noto come “credit score”, che dipenderà dalla policy della stessa. Un altro fattore da non sottovalutare mai in fase di richiesta è il rapporto rata-reddito, fondamentale per capire se il richiedente ha effettivamente la capacità di sostenere la rata da corrispondere mese per mese. Per formulare una richiesta che rientri nei parametri della banca in questione bisognerà restare sotto il limite del 30-35% dello stipendio.