Lavori di riqualificazione energetica in tre scuole carmagnolesi

456

Cantieri ancora aperti alle scuole materne Sant’Anna e Mirò; a giorni parte anche l’intervento da 1 milione di euro che cambierà il volto alla media Manzoni. Il 24 si inaugura il nuovo cortile dell’elementare Rayneri.

Una vista di come diventerà la scuole media Manzoni
Una vista di come diventerà la scuola media Manzoni

Sono in corso i lavori di riqualificazione energetica di tre importanti scuole carmagnolesi: la scuola dell’infanzia ex Sant’Anna, la scuola media “Primo Levi” e la materna “Mirò” di Zona Lame.

Gli interventi -per un totale di 1,7 milioni di euro– sono stati voluti dalla Giunta Gaveglio, che si è attivata per ricercare fondi.

«La realizzazione di questi lavoriè finanziataconl’utilizzo dimutui a tasso agevolatissimo del Fondo rotativo Kyoto del Ministero dell’Ambiente econ i contributi a fondo perduto del “conto termico”, oltre in parte arisorse comunali-spiega l’assessore ai lavori pubblici, Alessandro CammarataIprogetti di riqualificazione energetica hanno una duplice valenza: da un latomigliorano sensibilmente il comfort climatico delle scuole, che spessorisulta critico;dall’altro riducono sensibilmente i consumi».

Il primo intervento a partire, lo scorso luglio, è stato quello all’ex Sant’Anna: nel periodo estivo si è provveduto alla completa sostituzione dei serramenti dei primi due piani del fabbricato e al rifacimento del bagno al piano terreno. La scuola ha potuto riaprire regolarmente al 10 settembre, con l’ingresso temporaneo su via Donizetti, dovendo però fare a meno ancora per qualche mese del cortile interno, che è interamente occupato dal cantiere.
«Attualmente sono in corso i lavori di realizzazione del cappotto termico esterno e la ripassatura del manto di copertura-dettaglia l’assessore- Un piccolo sacrificio da parte di tutti che consentirà di avere a breve una scuola più bella, accogliente e sicura».

A settembre sono partiti anche i lavori di rifacimento e coibentazione della copertura della scuola materna “J.Mirò”. Anche in questo caso i lavori si svolgeranno completamento all’esterno e la scuola dovrà fare a meno dell’area verde per qualche mese, ma senza alcun riflesso sul regolare andamento delle attività scolastiche, che proseguiranno anche in questo caso in perfetta sicurezza.

L’ultimo cantiere riguarda la scuola media “Primo Levi” di corso Sacchirone. Qui viene investito oltre un milione di euro per cambiare tutti i serramenti della scuola e realizzare un cappotto termico esterno. L’intervento cambierà anche radicalmente l’aspetto estetico e il comfort di questo fabbricato, che risale agli anni Settanta. «Per consentire la realizzazione di questi lavori, attesi da anni, sarà necessario lo sforzo da parte di tutti, studenti in primis, in quanto verranno realizzati a settori. Sarà pertanto necessario liberare a turno le classi, che si sposteranno temporaneamente nei laboratori o in altri spazi liberi. Sarà sicuramente un anno scolastico molto movimentato», sottolinea Cammarata.

Sempre nell’estate -inoltre- sono stati completati i lavori di rifacimento del cortile della scuola elementare Rayneri, che adesso si presenta completamente rinnovato.
L’inaugurazione è prevista per il 24 settembre per la felicità di tutti i bambini che, fin dal primo giorno, hanno accolto con molto entusiasmo questo spazio in cui correre e giocare durante la ricreazione, ma anche sdraiarsi a chiacchierare sul nuovo e bellissimo prato in erba sintetica che ha sostituito il vecchio e polveroso pavimento in terra battuta.
«Un vero esempio di progettazione partecipata, in quanto il progetto iniziale (che prevedeva la realizzazione di un classico pavimento in blocchetti di cemento a incastroè stato modificato su richiesta delle maestre del plesso, con l’introduzione del tappeto erboso sintetico -chiosa l’assessore- Il tutto, a parità di costo ma con risultati estetici e funzionali decisamente migliori».