Il tema sicurezza torna alla ribalta

517

La sicurezza in città torna alla ribalta dopo i numerosi episodi di cronaca nera che si sono registrati nelle ultime settimane del 2016. Il tema è stato affrontato in Consiglio comunale, grazie a due interpellanze presentate dal centro-sinistra e dal Movimento 5 Stelle, che tra i vari episodi hanno citato le aggressioni ai danni di un “nonno vigile” e di una persona anziana in pieno centro storico, la rapina violenta nell’abitazione di un anziano, nonché denunciato un generale incremento di furti e truffe.
«Questi episodi comportano preoccupazione e sconcerto: quali iniziative l’Amministrazione intraprendere, anche in collaborazione con le forze di pubblica sicurezza presenti sul territorio?», hanno chiesto le Opposizioni.

Il vicesindaco Vincenzo Inglese
Il vicesindaco Vincenzo Inglese

La risposta dell’Amministrazione è stata affidata al vicesindaco con delega alla sicurezza, Vincenzo Inglese, che ha inizialmente citato alcuni dati relativi al periodo settembre-metà dicembre: nel 2015 erano stati segnalati 18 furti in abitazione, a fronte degli 11 dell’anno appena concluso.
Analogamente sono diminuiti da 9 a 5 i furti di autovetture, mentre sono risultati cresciuti quelli all’interno di auto in sosta. Nel periodo considerato del 2016 vi è stata una sola rapina, a fronte delle 3 registrate l’anno precedente, mentre le truffe ad anziani sono aumentate esponenzialmente da uno solo episodio a 10.
Il vicesindaco ha quindi dettagliato alcuni interventi già in essere o di prossima realizzazione. «Abbiamo re-istituito il turno domenicale dei vigili urbani, oltre a una pattuglia serale “spot”, nonché interventi specifici presso le scuole, grazie anche allo spostamento di due agenti da compiti amministrativi al controllo del territorio – ha dichiarato- Abbiamo inoltre istituito il servizio di vigilanza, grazie ai “nonni vigile”, in due grossi parcheggi cittadini nei giorni di mercato, per contrastare la presenza di posteggiatori abusivi: il fenomeno pare essere stato estirpato. C’è inoltre un gruppo di volontari, con specifica formazione curata dal comandante della Polizia municipale, per il controllo di alcune parti del territorio, ad esempio in funzione anti-borseggio».
Per quanto riguarda le truffe agli anziani, Inglese ha annunciato “il proseguimento di iniziative e incontri informativi per informare la popolazione su questo fenomeno” mentre, per la sicurezza del territorio, ha rilanciato il tema della videosorveglianza di alcune aree chiave, anche di accesso alla città, sia come deterrente che a supporto di eventuali indagini. Da gennaio verrà anche emesso un bando per ausiliari del traffico.
«Comunque dobbiamo tutti essere “sentinelle” sul territorio, perché è impossibile avere un agente o un carabiniere ovunque –ha concluso Inglese- E’ importante che la popolazione si occupi anche del controllo contro gli atti di vandalismo, soprattutto nei confronti della proprietà pubblica».

Sergio Grosso
Sergio Grosso

Per la Coalizione di centrosinistra “Carmagnola Insieme” resta da migliorare soprattutto la comunicazione rivolta ai cittadini e andrebbe istituito in tempi rapidi il promesso “sportello a sostegno delle fasce deboli”, mentre i consiglieri M5S hanno puntato il dito sul dato dell’aumento del 1000% delle truffe agli anziani: «su questo tema serve ancora maggiore attenzione e occorre mettere a punto meccanismi di vicinato per allertare la popolazione». Sul sistema di video-sorveglianza, il capogruppo grillino Sergio Grosso ha infine denunciato che “da anni sono installate le telecamere, ma il servizio resta a oggi pressoché inesistente”.