Virle, l’atelier Regina Guasco lascia il paese a causa della pandemia

74

L’atelier Regina Guasco si trasferisce da Virle: la scelta difficile a seguito della pandemia ha portato i due coniugi Regina e Carlo a tornare al proprio laboratorio in casa, in attesa di tempi migliori.

atelier Regina Guasco
L’atelier Regina Guasco lascia il paese di Virle: la chiusura a causa della pandemia (foto Regina Guasco Atelier)

Cosa succederebbe ai nostri piccoli paesi se scomparissero i negozi e le piccole attività? Questa è una domanda che è emersa spesso nel 2020, da quando è iniziata la pandemia e dal momento in cui le serrande di tante botteghe si sono dovute abbassare.

Purtroppo è il caso dell’atelier Regina Guasco, che era presente a Virle Piemonte e che ha dovuto chiudere il proprio showroom a causa delle difficoltà economiche che sono subentrate con l’emergenza sanitaria.

L’atelier nasce dal sogno di Regina, che è originaria del Brasile e che ha sempre amato il settore della moda”, raccontano Regina Guasco e il marito Carlo Guasco, proprietari dell’attività.

Diplomata stilista, Regina aveva già iniziato a realizzare abiti di alta moda mentre studiava e dopo il suo arrivo in Italia. “I nostri abiti hanno uno stile particolare: l’ispirazione fa riferimento alla classe degli stilisti italiani, come Armani, ma un tratto caratteristico è l’impronta brasiliana che Regina infonde in ogni capo“.

Carmagnola, sempre più commercianti aderiscono alle “vetrine solidali”

Il grande momento di svolta coincide con l’occasione di partecipare alla Torino Fashion Week. “Da quel momento il nome aveva iniziato a diventare famoso e anche la gente cominciava ad interessarsi a noi. A quel punto abbiamo preso la cosa sul serio e nel 2016 abbiamo registrato all’ufficio Brevetti e Marchi il nome dell’atelier -ricordano i Guasco- La nostra firma è diventata nota nel settore e dal 2017 in poi abbiamo partecipato alla Torino Fashion Week, che nel 2020 è stata completamente virtuale per ovvie ragioni“. L’attività andava quindi a gonfie vele, tanto che i due artigiani erano proiettati verso nuovi ambienti e progetti innovativi. “Stavamo tentando di lanciarci verso gli eventi della moda di Milano, oltre a Parigi e San Paolo in Brasile, così che Regina potesse sfilare nel proprio Paese d’origine“.

La scelta di aprire l’atelier a Virle era motivata dalla residenza dei due artigiani. “Una volta siamo passati davanti a quello che sarebbe diventato il nostro showroom: il locale si era liberato e ci siamo chiesti se non potevamo aprire proprio qui, a Virle -spiegano Regina e Carlo Guasco- Il posto è tranquillo e l’attività sarebbe stata ben visibile nel paese. Inoltre i numerosi clienti torinesi che già avevamo non sarebbero stati troppo distanti da noi e la maggior parte degli atelier di abiti da sposa si trovano tutti fuori dal capoluogo, a una decina di kilometri. Di conseguenza abbiamo pensato che l’idea poteva funzionare“.

Ciò che i clienti gradivano era l’aspetto artigianale e personalizzato di ogni singolo abito: “Il capo veniva creato da Regina direttamente con la cliente: erano abiti realizzati a mano, esclusivi e prodotti su misura e su richiesta dell’acquirente“.

All’inizio del 2020 l’atelier aveva addirittura troppe prenotazioni, che Regina Guasco da sola faticava a gestire. “Data la situazione avevamo iniziato a cercare dei tirocinanti  partecipando al progetto Bottega scuola, patrocinato dalla Regione Piemonte: l’iniziativa prevede che gli artigiani insegnino il proprio mestiere ai più giovani -raccontano dall’atelier- La nostra attività aveva potuto aderire a questo tipo di tirocinio anche perché avevamo ricevuto il riconoscimento di Eccellenza Artigiana del Piemonte dalla Camera di Commercio“.

Un nuovo alimentari aperto a Virle, la sfida di Valentina Marabeti

Ma pochi mesi dopo hanno dovuto chiudere il negozio, così come tanti altri commercianti come loro: “Oltre a questo sono state bloccate tutte le cerimonie come matrimoni, battesimi, feste: gli abiti d’alta moda che creavamo erano prevalentemente per questo genere di eventi. Siamo passati dal non sapere come fare a realizzare tutti gli abiti prenotati al rendere gli acconti di alcuni vestiti in progetto, perché ci siamo resi conto che i clienti ne avevano bisogno“.

L’anno è poi proseguito con un’alternanza di aperture e chiusure: molte clienti di Torino non si potevano più recare a Virle e le cerimonie erano in gran parte annullate. “Stiamo vivendo con i risparmi che avevamo da parte, ma ad un certo punto non bastavano più. E così abbiamo deciso di chiudere lo showroom nel paese, perché dovevamo sostenere continuamente delle spese notevoli -ricordano con amarezza i coniugi- La scelta è stata quello di mantenere il laboratorio di sartoria presso casa nostra, così che le clienti affezionate possano continuare a venire da noi rispettando tutte le norme del caso, proprio come quando siamo partiti in questa avventura“.

L’idea per il futuro è quella di aprire un altro negozio simile a quello di Virle ma a Nichelino: questa città è più vicina a Torino e quindi a gran parte dei clienti dell’atelier. “Eravamo pronti per inaugurare il nuovo showroom già ad aprile, ma ci siamo resi conto che non è il periodo migliore per farlo -annunciano- Per ora c’è solo grande incertezza: noi commercianti non sappiamo come comportarci. Abbiamo solo tante speranze, anche se spesso ci sentiamo abbattuti; è una situazione che è difficile da sostenere, anche psicologicamente“.

Ma rimane una grande traccia di amarezza nelle parole di Regina e Carlo Guasco. “Nonostante tutte le belle parole, il Governo ci ha dato 1200 euro per un anno intero di chiusura. Soprattutto ciò che ci ha più turbato e che ci ha colpito è stata la continua instabilità. L’incostanza dei decreti non ha giovato al nostro settore, che pure ha dovuto sostenere spese per strumenti mai utilizzati: mezzi di sterilizzazione, ionizzatori, cabine di prova con luci sterilizzanti… Il tempo di montarle e abbiamo dovuto chiudere tutto. Siamo stati completamente dimenticati, e con noi tutta la categoria degli artigiani, oltre anche alla filiera del settore matrimoni“.

Commercianti di Carmagnola, uniti contro la crisi