1° Festival Folk di Carmagnola: il programma

153

Giovedì 22 giugno, dalle ore 21, il centro storico di Carmagnola ospiterà il 1° Festival Folk. Saranno 6 le location dove le band partecipanti proporranno musica folk in molte sfumature: occitano con Lo Truc, blues con i Bullfrog Blues, canavesano con i La Magna Canta, piemontese con La Cricca dij Mes-cià e i Lj Stick, del sud e mediterraneo con il Collettivo In.Con.Tra.Da.
Il festival coincide con il via della kermesse storica “Giovedì sotto le stelle” ed offrirà una variegata proposta di musica tradizionale alla quale verranno abbinate offerte enogastronomiche a tema ed un mercatino dei produttori locali. I locali ed i ristoranti limitrofi proporranno cibi e bevande a tema con la provenienza della musica proposta.

Lo Truc

In Largo Vittorio Veneto sfodereranno il proprio repertorio Lo Truc, gruppo occitano che mescola il genere tradizionale ai suoni innovativi attuali. Lo Truc nasce nel 2003 con l’intento di proporre musica occitana da ballo, tradizionale e di propria composizione, attraverso uno studiato connubio tra le differenze timbriche dei vari strumenti, Il gruppo è formato da Simonetta Baudino (ghironda e organetto), Simone Lombardo (ghironda, cornamuse, flauti,galoubet e tambourin) e Claudio Marassi (organetto e clarinetto).

Bullfrog Blues

In Piazza XXX Aprile suoneranno i Bullfrog Blues, uno dei più longevi blues duo in Italia attivo dal 1993 e composto da Andrea Scagliarini (armonica e voce) e Beppe Rainero (dobro, chitarra e voce). Scagliarini ha trascorso lunghi periodi negli USA collaborando con noti musicisti locali, si è esibito in alcuni tra i principali festival ed ha importanti riconoscimenti.

Collettivo In.Con.Tra.Da.

Piazza Martiri ospiterà il Collettivo In.Con.Tra.Da. (In-Contri, Con-taminazioni,
Tra-dizioni, Da Sud a Nord ), nato a Torino negli anni Duemila con l’intento di promuovere le espressioni artistiche – fra musica e danza – tipiche del Sud e dell’intero bacino Mediterraneo, suonerà e farà ballare anche le popolari pizziche e tarante. A Carmagnola il collettivo sarà composto da Emiliano Berchio, Fabrizio Filippelli, Luca Barrotta, Carlo Massarelli, Giovanni Maggiore e Franco Montanaro.

In Piazza Garavella ci saranno i La Magna Canta che proporranno le musiche tradizionali del canavese. Il nucleo centrale della band è formato da musicisti che vantano una lunga storia in altre formazioni e che condividono un recente passato con Ij Servaj, uno dei gruppi più interessanti che abbiano calcato la scena piemontese in questi ultimi anni. Il 22 giugno la band sarà composta da Mara Occhiena (organetto diatonico), Silvio Caudera (ghironda e voce), Paolo Clemente (cornamuse, flauto traverso ed ance), Mattia Rocchietti (cornamuse ed ance) e Claudio Scarpelli (flauto a becco, piffero e voce).

La Cricca dij Mes-cià

In Piazza Sant’Agostino La Cricca Dij Mes-Cià, una delle ultime band nate nel panorama del folk roerino con giovani provenienti da vari paesi, proporrà un ricco repertorio piemontese, dai notissimi canti da piòla a pezzi più cantautoriali ed impegnati.

In Via Boselli angolo Via Gardezzana suoneranno i Lj Stick, una numerosa band composta da amici della zona del carmagnolese alla continua ricerca delle tradizioni piemontesi. La band canta esclusivamente in dialetto, coinvolge sempre calorosamente il pubblico ed alcune canzoni sono rifacimenti di successi internazionali come “Siulot e Por” (“Knockin’On Haeven’s Door”) e “Ambranca la Sapa” (“Guantanamera”).