«Il 2023 un’annata eccellente per i peperoni di Carmagnola»

318

L’assessore all’agricoltura Roberto Gerbino e il presidente del Consorzio Domenico Tuninetti soddisfatti per qualità, quantità e prezzi di vendita dei peperoni di Carmagnola nella stagione 2023.

peperoni di carmagnola 2023
“Il 2023 annata eccellente per i peperoni di Carmagnola”

«Una produzione eccellente, sia come qualità che come quantità, e prezzi adeguati per i coltivatori»: sono decisamente soddisfatti l’assessore all’agricoltura Roberto Gerbino e il presidente del Consorzio Domenico Tuninetti (anche consigliere comunale di maggioranza) nel tracciare il bilancio dell’annata 2023 per i peperoni di Carmagnola.

Secondo le stime, i circa cento ettari coltivati con il più celebre prodotto tipico locale hanno permesso quest’anno di produrre circa 40 mila quintali di peperoni su tutta l’area (che si estende in 39 Comuni del Torinese e del Cuneese, oltre a Carmagnola), risultati mediamente ottimi dal punto di vista del peso, dello spessore e del sapore.

Peperoni di Carmagnola: premiati in Fiera i migliori esemplari del 2023

Sono stati venduti dai 2 ai 2,80 euro al chilo nei mercati all’ingrosso e fino ai 4 euro al chilo nei banchi di vendita al dettaglio in Fiera, per gli esemplari più belli.

«Un’annata da incorniciare -la definisce Gerbino, anch’egli agricoltore- Merito di condizioni meteo ottimali per la coltivazione: prima le piogge, tra maggio e inizio giugno, che hanno fatto venire su bene le piante; poi il caldo estivo ha fatto maturare i peperoni».

Peperoni, benefici e proprietà di un gustoso ortaggio multicolore

Gli fa eco Tuninetti: «Anche il mercato ha risposto bene, consentendo di vendere a prezzi che permettono di coprire i costi di produzione, decisamente aumentati negli ultimi mesi: dal seme alla manodopera, dal nylon per le serre al gasolio».

Tra gli elementi positivi è da segnalare pure una diminuzione della virosi, con trattamenti pressoché nulli o limitati ai soli insetti utili, mentre prende sempre più piede la coltivazione della varietà di peperone cosiddetta “ibrida”, maggiormente produttiva e tollerante, a discapito di quelle autoctone, più delicate e penalizzate dai cambiamenti climatici.

In 300 mila alla Fiera del Peperone 2023: i numeri di un successo