A Racconigi nasce il primo Comitato “Per un sottopasso sostenibile”

160

È stato fondato a Racconigi il comitato spontaneo di cittadini “Per un sottopasso sostenibile”, con l’obiettivo di discutere circa la realizzazione dei sottopassi ferroviari di via Caramagna e di via Tagliata. Luigi Reynaudo, Maria Teresa Chiurato e Giuseppe Danese ideatori del progetto. 

Il passaggio a livello di via Caramagna a Racconigi

A Racconigi Luigi Reynaudo, Maria Teresa Chiurato e Giuseppe Danese hanno fondato il Comitato spontaneo di cittadini “Per un sottopasso sostenibile”.

Il Comitato intende sensibilizzare e informare la cittadinanza sul tema della realizzazione dei sottopassi ferroviari di via Caramagna e di via Tagliata:È nostra intenzione divenire promotori di un tavolo di confronto con le istituzioni locali e con l’ente proponente le opere in progetto (Rete Ferroviaria Italiana). Vogliamo rappresentare la voce dei cittadini residenti nelle zone interessate dai lavori e portare all’attenzione di chi ha la responsabilità della buona riuscita delle opere le necessità e le esigenze di coloro che si troveranno a vivere a stretto contatto con un cantiere che durerà non meno di due anni è taglierà i collegamenti tra le due aree del paese”.

Il socio Luigi Reynaudo precisa: “Si tratta di opere strategiche che impatteranno in modo consistente sui residenti non solo durante il corso dei lavori, ma anche dopo, modificando per sempre gli equilibri della viabilità cittadina. Ricordo che, dei quattro passaggi a livello esistenti in città, resterà un solo sottopasso veicolare: quindi tutto il traffico si concentrerà in via Caramagna e in via Regina Elena. In paese si è parlato troppo poco di questi progetti, non si sono mai svolti incontri informativi, i cittadini hanno un’idea molto vaga di quelle che saranno le reali conseguenze dei sottopassi, aldilà della retorica un po’ semplicistica della definitiva eliminazione delle code ai passaggi a livello”.

Due nuovi agenti per la Polizia Locale di Racconigi

Prosegue Reynaudo: “Troppi aspetti non sono ancora chiari a cominciare dal rischio che la gestione degli oneri di manutenzione del sottopasso, delle pompe idrauliche, della sicurezza e degli interventi in caso di allagamento restino, a fine lavori, sulle spalle della cittadinanza. È indubbio che, in un’epoca di cambiamento climatico con frequenti episodi di “bombe d’acqua” che si abbattono sulle nostre città provocando allagamenti eccezionali, uno scavo così profondo, tanto quanto è stato prospettato, dia da pensare e oggettivamente preoccupare”.

Reynaudo ribadisce che: “A scanso di equivoci, nessuno degli aderenti al Comitato è contrario alla realizzazione dei sottopassi come soluzione definitiva alle problematiche connesse con gli esistenti passaggi a livello”.

Chiunque sia interessato a partecipare attivamente o come semplice uditore è invitato a comunicare la propria adesione al Comitato, ai seguenti indirizzi: Luigi Reynaudo: luigi@reynaudo.it – telefono: 335-6174085; Maria Teresa Chiurato: bartolo.gariglio@unito.it – telefono: 346-3209060. 

Nasce il nuovo istituto museale delle Residenze reali sabaude