L’artista Alex Da Silva al lavoro a Ceresole

130

Da domenica, 28 ottobre, fino al 7 novembre, Alex Da Silva espone e lavora nella chiesetta di Madonna dei Prati. Ingresso libero.

 

Alex Da Silva ceresole d'albaDomenica, 28 ottobre, a Ceresole d’Alba è in programma l’apertura della mostra artistica dedicata ad Alex Da Silva, nella chiesetta di Madonna dei Prati.
Le opere possono essere visionate quotidianamente fino al 7 novembre -con l’artista al lavoro- nei seguenti orario 10-12 e 15-18. Ingresso libero.

Alex Da Silva è un artista visivo, curatore, imprenditore creativo e “agitatore culturale” di Mindelo, Capo Verde e Rotterdam, Paesi Bassi.  Nato nel 1974 in Angola, figlio di genitori capoverdiani, è venuto a vivere a Capo Verde, São Vicente.
Partì per l’Olanda dopo il liceo a Mindelo e si laureò con lode presso l’Accademia d’arte e architettura di Willem de Kooning a Rotterdam nel 1999.
È stato studente Erasmus del programma di scambio Socrates ad Alonso Cano, Facoltà di Belle Arti di Granada, in Spagna, nel 1997/1998. Nel 2000 ha conseguito il Master in Belle Arti presso la Minerva Academy di Groningen, in Olanda.

Il lavoro di Alex è stato oggetto di più di 20 mostre personali e ha partecipato a più di 30 mostre collettive in Europa e nei quattro angoli del mondo. Le sue opere sono state esposte in Spagna, Portogallo, Olanda, Norvegia, Francia, Belgio, Lussemburgo, Curacao nelle Antille olandesi, Germania, Russia, Emirati Arabi Uniti, Cina, Senegal e Capo Verde. Il suo lavoro può essere trovato in collezioni private, pubbliche e musei.

Nel 2012 ad Alex Da Silva è stata assegnata la creazione, presso il grande porto della città di Rotterdam, del monumento dedicato al 150° anniversario dalla abolizione della tratta degli schiavi da parte dell’Olanda che rimase in atto fino alla metà del XVIII secolo dall’Africa per il Suriname e le Antille.
L’opera, intitolata “Clave”, fa parte del circuito d’arte pubblica di diversi artisti internazionali lungo i luoghi simbolici della città -spiegano da Ceresole- Come ipotizzato dai promotori e dalla città di Rotterdam, è un memoriale dedicatoa chi non ha mai conosciuto l’esistenza della schiavitù, i suoi mali e le sue cicatrici, l’esodo forzato di africani fuori dal proprio continente tra il XV e il XIX secolo“.
Alex Da Silva, inoltre, è il fondatore dello spazio multifunzionale ZeroPointART, e curatore/direttore delle mostre de la ZeroPointART Gallery, situati nel centro della città di Mindelo, Capo Verde.