Aperto il secondo reparto Covid al San Lorenzo di Carmagnola

1165

All’ospedale San Lorenzo di Carmagnola è stato aperto il secondo reparto dedicato ai pazienti Covid, con 10 posti letto aggiuntivi. Per ora non sono previste chiusure, ma il personale è già al limite: in caso di ulteriori ricoveri potrebbe essere nuovamente limitata l’attività del Pronto Soccorso.

Secondo Reparto Covid Carmagnola
All’ospedale di Carmagnola è stato aperto il secondo reparto per pazienti colpiti dal Covid-19: la preoccupazione riguarda ora innanzitutto la disponibilità di personale medico e infermieristico [immagine di repertorio – foto Valsts kanceleja @ Flickr]
Un secondo reparto per i pazienti Covid-19 è stato aperto al terzo piano dell’ospedale San Lorenzo di Carmagnola, nei locali che in genere ospitano la Lungodegenza. Il totale di posti letto nel nosocomio cittadino sale così a 26, rispetto ai 16 disponibili nei giorni scorsi; sono 20 quelli finora già occupati.

Un’altra dozzina di letti -arrivando quindi a ospitare fino a circa 40 pazienti- potrà essere ulteriormente aggiunta negli spazi già utilizzati, senza dover quindi sacrificare altri reparti del San Lorenzo.Per il momento non sono previste chiusure, ma solamente alcuni spostamenti, conferma un portavoce dell’Asl TO5.

Covid: ancora in rialzo i contagi nell’area carmagnolese

La preoccupazione maggiore, però, deriva dalla disponibilità di personale ospedaliero: già così, infatti, i margini di operatività sono al limite, calcolando turni e riposi, al netto di eventuali malattie o altre assenze. Un ulteriore aumento della capacità dei reparti Covid, quindi, andrebbe ulteriormente ad assorbire risorse, tra medici e infermieri, mettendo a rischio il funzionamento degli altri servizi.

Una possibile soluzione -stando a quanto già adottato in passato- potrebbe riguardare nuovamente la chiusura notturna del Pronto Soccorso. “Su questi aspetti saranno fatti ragionamenti nei prossimi giorni“, non si sbilanciano dall’Azienda sanitaria, in attesa di vedere anche il trend dei ricoveri legati al Coronavirus.

Un vademecum dell’Asl TO5 sulla dose booster del vaccino anti-Covid

Nel frattempo sono al limite dell’attuale capienza anche i reparti Covid degli altri due ospedali dell’Asl TO5: 18 i posti letto occupati al Maggiore di Chieri, su 19 disponibili, oltre a tre terapie intensive su quattro; tutti pieni i 20 letti al Santa Croce di Moncalieri.

A livello territoriale -a oggi- c’è posto per 65 pazienti Covid nei reparti e quattro in terapia intensiva, circa un quarto della capacità massima raggiunta durante i picchi della cosiddetta “seconda ondata” nel novembre dello scorso anno.

Asl TO5: la situazione Covid negli ospedali e nelle scuole