Il Calendario Avataneo 2019 dedicato (ancora) alla Venaria Reale

396

L’edizione numero 33 del progetto fotografico-culturale di Avataneo accompagna all’interno della Reggia di Venaria, con l’obiettivo di dare vita a una “trilogia” di calendari 2018-2020.

 

Avataneo calendario 2019 Venaria RealeLa Reggia di Venaria è la protagonista anche del Calendario Avataneo 2019, 33esima edizione di un progetto editoriale-fotografico dedicato al Piemonte iniziato nel 1987 da parte del celebre fotografo carmagnolese Carlo Avataneo.

I suoi scatti accompagneranno i 12 mesi dell’anno a venire, raccontando per immagini la residenza voluta dal duca Carlo Emanuele a metà Seicento e recentemente riaperta al pubblico, sontuosamente ristrutturata.

Si parte a gennaio con una duplice fuga arborea che introduce alla Reggia, scandendone la sua sabauda maestosità. Quindi scatti che mettono in risalto le due anime che co-abitano tra le stesse mura (l’aulica monumentalità del Seicento e la leggiadria del Settecento) e l’eccellenza architettonica, fino al parco, tra fiori e tripudi vegetali. Il tutto senza dimenticare la celebre Grande Galleria, definita “scenografica vertigine di quel Teatro di Luce che Juvarra vagheggiava“.
Il viaggio fotografico di Avataneo all’interno della Venaria Reale prosegue tra aiuole, balaustre e allee; statue e verdi geometrie, con un posto d’onore anche per la juvarriana chiesa di sant’Uberto, placida sentinella che da secoli veglia sui destini della Reggia.

L’opera è arricchita dalla presentazione di Mario Turetta, direttore del Consorzio delle regge sabaude: “Carlo Avataneo, attraverso le sue emozionanti immagini, è riuscito a testimoniare non solo la bellezza architettonica e naturalistica di questo imponente complesso barocco, ma anche la vitalità che contraddistingue questo luogo unico in Italia“.

Anche l’edizione 2020 sarà dedicata alle meraviglie storiche, architettoniche e paesaggistiche della Venaria Reale, andando così a creare una “trilogia” insieme al Calendario 2018 e a quello attuale, al pari di quella dedicata in precedenza al Roero.