Carignano: a dicembre debutta lo spettacolo “Quei piemontesi sul Titanic”

419

La compagnia di Carignano Fric-Filo2 ha annunciato le date del suo nuovo grande spettacolo basato sulla vera storia dei quindici camerieri piemontesi che furono imbarcati sul Titanic.

piemontesi titanic carignano
L’opera narra la storia vera di quindici camerieri piemontesi imbarcati a bordo del transatlantico divenuto tristemente noto

La compagnia teatrale Filodrammatica Fricchieri (Fric-Filo2) si prepara a portare in scena a Carignano la sua nuova opera “Quei piemontesi sul Titanic”, scritta da Pierluca Costa e risultato di un lavoro da primato durato 11 mesi, con 100 e più pagine di copione, quasi 50 serate di prove, 46 attori sul palco, quasi 80 costumi realizzati, brani musicali composti appositamente e la collaborazione dei più grandi esperti nazionali, tra cui Claudio Bossi.

Per il suo valore storico, culturale, rievocativo e commemorativo, l’opera ha ottenuto il patrocinio dalla città di Carignano e dal consiglio della Regione Piemonte.

Gli spettacoli si terranno al piccolo teatro Alfieri di Carignano (via Savoia 50) a dicembre: venerdì 15 e sabato 16 alle ore 21, e domenica 17 alle 15. Altre repliche sono previste a gennaio 2024: venerdì 12 e sabato 13 alle ore 21, e domenica 14 alle 15.

Sarà possibile prenotare i biglietti all’Ottica Scamuzzi di Carignano, nel nuovo negozio in via Savoia 24, oppure via telefono al numero 011-9699602. Ulteriori aggiornamenti saranno pubblicati sulla pagina Facebook della compagnia teatrale Fric-Filo2.

La Fric-Filo2 presenta lo spettacolo “Quei piemontesi sul Titanic”

Ecco la trama di “Quei piemontesi sul Titanic”:

Southampton, il 6 aprile 1912. Sono circa le 8 del mattino quando al molo 44 un debole sole primaverile scalda i frenetici preparativi per la partenza del secolo: quella della Royal Mail Ship Titanic, di proprietà della compagnia navale White Star Line. Ed è lo stesso tepore che avvolge gli animi dei camerieri italiani che si apprestano a salire sul transatlantico più lussuoso esistente e, tra loro, i nostri quindici piemontesi.

Se il frizzante vento oceanico e l’insopportabile instabilità del clima britannico sono l’altare del primo giorno di lavoro per Giovanni Salussolia (Piero Gilardi), Candido Scavino (Giancarlo Cerutti), Giacomo Sesia (Gabriele Garnero), Battista Bernardi (Giacomo Aghemo) e Vincenzo Pio Gilardino (Alberto Ballestrazzi), allora il Titanic ne è la cattedrale, e il maître Luigi Gatti (Renato Pautasso), sceso orgoglioso dalla «sua» nave, è il sacerdote che li battezza e li avvia a un viaggio esclusivo, tra le pareti appena ultimate del ristorante galleggiante “A la carte”.

I nostri cinque camerieri sono pronti, sono felici ed entusiasti per quella grande occasione e, affiancati dalle cameriere Bianca (Sonia Rubatto), Rosina (Paola Gennero), Vittoria (Giulia Ghirardo Romero) e da una determinata dama di compagnia (Roberta, interpretata da Donatella Piacenza), si apprestano a dare il massimo della loro professionalità. Una professionalità «all’italiana», potremmo dire, pregna di umanità e generosità, tanto da spingere Vincenzo Pio Gilardino a mettere a repentaglio il proprio contratto con Gatti, pur di donare una seconda possibilità alla cugina Caterina (Sofia Taberna) e al suo piccolo Stefano (Michele Ghirardo Romero), con il nonno Mario (Mario Groppo), già trafitti dalla cattiva sorte e saliti a bordo clandestinamente.

A Carignano lo Swap party e la festa dell’albero con Legambiente

Il 10 aprile, esattamente alle ore 12, il Titanic salpa per il suo viaggio inaugurale e con esso i nostri camerieri. Sono giornate frenetiche e faticose a bordo del transatlantico, ma sempre leggere e ricche di allegria come solo noi italiani sappiamo fare, da nord a sud. Sotto l’indeformabile sguardo del direttore Gatti si consumano amicizie, amori e simpatie, ma destinate ad alimentare anche distruttive invidie. Nulla, tuttavia, può scalfire gli animi dei nostri guerrieri di sala, che brillano anche di fronte a personalità potenti come i coniugi Widener (Alberto Turletti e Giacinta Massucco).

Tuttavia, è proprio nel momento più tragico che il meglio e il peggio dell’uomo emergono simultaneamente: quando alle 23:40 del 14 aprile 1912 il Titanic urta contro un iceberg e, davanti allo sguardo attonito e impotente del capitano Edward John Jr. Smith (Sergio Zappino), condanna 1518 persone a morte, tra queste anche i nostri quindici camerieri insieme ad altri ventisei italiani.

A Palazzo Lomellini di Carmagnola la mostra “L’autunno. Gli autunni”