Castagnole, successo per “Mangè an n’autra cort”: oltre tremila i visitatori

78

Grande successo per l’evento “Mangè an n’autra cort”: oltre tremila i visitatori che nella serata di sabato 18 giugno hanno animato il centro storico di Castagnole Piemonte.

castagnole piemonte mangè an nautra cort pro loco rievocazione storica
Sono state oltre tremila le persone che hanno animato il centro di Castagnole Piemonte nella serata di sabato 18 giugno per l’evento Mangè an n’autra cort”  (foto di Claudio Bonifazio)

Grande successo per l’evento “Mangè an n’autra cort” e per la rievocazione storica dedicata alla figura della Bela Rosin, che si sono svolti sabato 18 giugno: il centro abitato di Castagnole Piemonte è stato animato da oltre tremila visitatori e partecipanti.

L’Amministrazione comunale si è detta molto soddisfatta del risultato ottenuto, così come gli stessi organizzatori dell’evento: “In questi casi si può dire solo una cosa mentre si riguardano le immagini della serata: grazie a tutti! -commenta il comitato organizzatore sulla propria pagina socialSegnatevi questa data: sabato 17 giugno 2023. Ci vediamo il prossimo anno!“.

Anche la vicesindaca Angela Paolantonio ha espresso soddisfazione per la buona riuscita della manifestazione: “Ci sono alcuni eventi che per poterli realizzare si impiega un anno di lavoro, ma la fatica viene ripagata dall’aver vissuto insieme ad una squadra una grande giornata -ha sottolineato- Grazie a coloro che ci hanno creduto e sostenuto, grazie a coloro che hanno partecipato. Un arrivederci alla prossima edizione“.

Castagnole, sabato torna l’evento “Mangè an n’autra cort”

Anche il consigliere Andrea Laruffa ha commentato positivamente la kermesse: “É stato bello prendere parte all’organizzazione di questo evento, insieme ad Amministrazione, associazioni, volontari, partner amici e cittadini castagnolesi. É stato bello aver fatto divertire e sognare i miei figli in un contesto in cui storia, cultura, gusto e modernità si sono incontrati. É stato bello grazie a tutto questo aver potuto riabbracciare amici di un tempo giunti da lontano per l’occasione -ha proseguito- É stato bello assaggiare prelibatezze di angoli del Piemonte tra le vie storiche del paese. É stato bello vedere più di 3.000 persone tra famiglie, bambini, anziani e ragazzi divertirsi insieme dopo anni difficili. Grazie Castagnole Piemonte e grazie a tutti i suoi cittadini, pilastro fondamentale per la riuscita di una qualsiasi iniziativa, ancor di più se un grande evento“.

La stessa Amministrazione comunale ha poi ringraziato tutte le figure che hanno collaborato per l’importante risultato. “Un ringraziamento a tutta la macchina organizzativa che ha permesso l’ottima riuscita dell’iniziativa insieme a tutte le associazioni, collaboratori e partner. Ma ancor più importante un particolare ringraziamento a tutta la comunità castagnolese che ha saputo dare il giusto benvenuto ed accoglienza a tutte le persone giunte per l’occasione -hanno commentato dal municipio- Anche quest’anno Vittorio Emanuele II e la sua amata e prediletta Bela Rosin sono tornati a Castagnole Piemonte, dopo una lunga pausa forzata di due anni causa pandemia. L’amore che la Bela Rosin nutre per Castagnole e per la sua gente affonda le radici nella casa dei nonni materni, che abitavano nella cascina Vallina, al confine con Piobesi“.

Castagnole: la Farmacia ripropone il progetto “Cammina che ti passa”

Sono state ben sedici le Pro Loco partecipanti alla manifestazione, le quali hanno proposto le proprie specialità culinarie. Tra i volontari e le Associazioni che hanno collaborato vi sono state la Croce Rossa, il gruppo Alpini e la Pro Loco castagnolesi; le guardie zoofile, i carabinieri in congedo e anche i gruppi di Protezione Civile di Castagnole, Piobesi, Virle, None e Candiolo, oltre alla Polizia locale. Presenti anche l’Oratorio Mons. Pinardi, Il Chisolino e i fotografi Claudio Bonifazio e Adriano Ghirardi.

A Luigi Oddoero il ringraziamento per aver curato e diretto la rievocazione storica, introducendo quest’anno alcune novità come i Tamburini di Pignerol, le coppie di danza della maschera di ferro, il gruppo storico di Pignerol e i popolani con i loro giochi storici; insieme a loro gli sbandieratori di San Marzanotto ed i Principi dal pozzo -ha concluso l’Amministrazione comunale- Anche quest’anno Lorenzo Piana, in arte Re Peperone, ha garantito una proficua collaborazione portando in sfilata ben 146 figuranti tra maschere e personaggi storici, iniziando dal nostro paese con il neguziant e la filera“.

Castagnole, torna Piazza Ragazzabile: iscrizioni entro il 27 giugno