Nuovi colori per la raccolta differenziata nei Comuni del Consorzio Chierese Servizi

922

Il Consorzio Chierese per i Servizi si adegua alla normativa nazionale, introducendo i nuovi colori per i coperchi dei contenitori della raccolta differenziata. La novità non riguarda i bidoni già distribuiti alle famiglie, ma solo quelli acquistati da ora in poi.

nuovi colori raccolta differenziata
Il CCS si adegua alla normativa nazionale, con nuovi colori per alcuni contenitori della raccolta differenziata porta a porta

Nuovi colori per alcuni dei contenitori utilizzati per la raccolta differenziata dei rifiuti nei Comuni aderenti al Consorzio Chierese per i Servizi (CCS), tra cui Carmagnola, Cambiano, Poirino, Pralormo e Santena.

In particolare, il blu sarà ora abbinato a carta, cartone e contenitori per bevande (anziché bianco), mentre la raccolta degli imballaggi in vetro (che era blu) diventerà verde; cambiano anche gli sfalci e le potature, dove arriva il beige al posto del verde; invariati i colori di organico e indifferenziato, rispettivamente marrone e grigio.

Qualità dei rifiuti, le novità in vigore dal 1° gennaio

Novità anche per i contenitori stessi, che diventeranno tutti grigi scuri o neri, ad esclusione del coperchio, che resterà l’unica parte colorata. “Questo permetterà di realizzarli con almeno il 70% di plastica riciclata“, spiegano dal CCS.

E aggiungono: “I coperchi invece dovranno essere realizzati con una percentuale più bassa di plastica riciclata, in ogni caso pari ad almeno il 30%, e quindi potranno essere differenziati per colore“.

Consorzio Chierese Servizi, premiata la qualità della gestione rifiuti

Il cambio di colori per alcune delle raccolte è dovuto all’adeguamento alla norma UNI 11686:2017 “Waste Visual Elements” e alle direttive europee. Restano invariati, per tutti i materiali, i “Waste panel”, cioè i pannelli informativi adesivi applicati ai contenitori, che sono già conformi alla norma da diversi anni.

Non cambieranno assolutamente il modello di raccolta, le tipologie dei rifiuti raccolti e neanche i tipi di materiali da introdurre nei vari contenitori -specifica Davide Pavan, direttore del Consorzio Chierese per i ServiziBisognerà però sapere che, per diversi anni, coesisteranno sul territorio cassonetti con il vecchio colore e cassonetti con il nuovo colore, fino a quando i primi andranno a esaurimento per vetustà“.

La norma impone infatti i nuovi colori solo per i contenitori acquistati dal Consorzio dal 2023 in avanti ma non la sostituzione di tutti i cassonetti già distribuiti: “avrebbe comportato un costo elevatissimo che avrebbe finito per gravare sulle tasche dei cittadini attraverso la TARI“, conclude Pavan.

Rapporto rifiuti urbani 2022, cresce la produzione e va potenziato il riciclo