Educazione ambientale per le scuole: il Parco del Monviso non si ferma

137

Nuove proposte di educazione ambientale per le scuole (e non solo) sono state presentate dal Parco del Monviso nell’anno del Covid-19.

educazione ambientale scuole monviso
Educazione ambientale per le scuole nel Parco del Monviso

Il Parco del Monviso non si ferma davanti al Covid-19 e lancia nuove attività di educazione ambientale destinate alle scuole e alle università e adeguate al periodo di emergenza sanitaria.

L’obiettivo centrale è quello di sensibilizzare i più giovani verso l’ambiente. Le attività, il cui numero può variare a seconda della situazione sanitaria, sono consultabili sull’apposita sezione del sito.

La novità di quest’anno è la modalità di erogazione: infatti, a seguito delle richieste di svariati insegnanti e degli esiti positivi di diverse lezioni sperimentali durante la scorsa primavera, alcune proposte si svolgono in modalità mista o esclusivamente tramite la didattica a distanza. Inoltre, molte di queste possono essere realizzate anche nei territori naturali nei pressi delle scuole, per esempio nei cortili, evitando così gli spostamenti con i mezzi di trasporto. Al contrario, le attività su più giornate sono momentaneamente sospese.

Gli argomenti trattati sono adeguati ai diversi gradi di istruzione e ulteriormente adattabili alle richieste dei docenti. Il programma non è però destinato esclusivamente alle scuole ma anche agli adulti che, in gruppi e associazioni, possono accedere a questo servizio.

Per l’organizzazione delle attività didattiche, il Parco si affida all’Asd Vesulus, che da diversi anni collabora con l’Ente guidando i gruppi alla scoperta di quella che è la prima riserva della Biosfera Unesco transfrontaliera d’Italia.

Il filo che lega tra di loro queste proposte è lo scopo che si vuole raggiungere: sensibilizzare bambini e ragazzi sull’importanza dell’ecologia, della conservazione della natura e dello sviluppo sostenibile, specialmente in un territorio variegato come questo che comprende il Monviso, il Bosco dell’Alevé e il letto del fiume Po dalla sorgente alla pianura.

Un tuffo per chiedere maggiori attenzioni ai fiumi del Piemonte

Oltre all’ambiente, inoltre, si aggiunge l’opportunità di venire a contatto con l’identità culturale del luogo e i valori ad essa legati.

Il presidente dell’Ente Parco, Gianfranco Marengo, dichiara infatti che “le proposte di educazione ambientale del Parco del Monviso rappresentano l’opportunità di conoscere una delle più eterogenee aree protette del Piemonte, in cui si incontrano tradizioni antiche, testimonianze di una storia millenaria, dove lUomo e l’ambiente hanno saputo convivere coniugando sapientemente la conservazione di un ricchissimo patrimonio ambientale e lo sviluppo sociale ed economico delle Comunità”.

Il costo dell’attività varia a seconda del progetto: prenotando entro il 31 gennaio 2021, verrà data la possibilità alle prime sessanta classi di svolgere l’attività di una giornata gratuitamente.

Per aggiornamenti e informazioni utili è possibile consultare il sito ufficiale del Parco o in alternativa, contattare l’Ente al numero 011/4321008 o tramite l’indirizzo di posta elettronica didattica@parcomonviso.eu.

Una messa in cima al Monviso per don Giovanni Manella