Elezioni comunali 2021, quali scenari per Carmagnola?

638

In tutti gli schieramenti politici si inizia a ragionare di programmi, candidature e alleanze in vista delle elezioni comunali 2021 a Carmagnola.

elezioni carmagnola 2021
Chi siederà a Palazzo Civico di Carmagnola dopo le elezioni della primavera 2021?

La primavera 2021, data delle prossime elezioni comunali a Carmagnola, si avvicina. E, con essa, si registrano i primi movimenti, in gran parte ancora “sotterranei”, all’interno dei vari schieramenti politici, in merito a programmi, candidature e alleanze.
Ecco una panoramica, in vista della nuova competizione elettorale.

Elezioni 2021 a Carmagnola: il Centrodestra

I tre partiti di centro-destra oggi al governo della città annunciano pieno supporto al sindaco Ivana Gaveglio, proponendola per un secondo mandato. Per Lega e Fratelli d’Italianon ci sono alternative, visto l’ottimo lavoro di questi anni”.
Ci stiamo confrontando al nostro interno e con la Coalizione, fermo restando l’ottimo giudizio sull’operato del sindaco“, fanno invece sapere da Forza Italia.

Nell’area di centrodestra vi sono però alcune voci in dissenso e non si esclude un progetto politico parallelo, che potrebbe coinvolgere anche alcuni esponenti dell’attuale Maggioranza.

A tal proposito, esce parzialmente allo scoperto l’ex vicesindaco Alessandro Salamone (cresciuto nella Dc e alle ultime regionali candidato carmagnolese di Fratelli d’Italia), che non risparmia dure critiche in merito all’attuale scenario locale: «Sono stati toccati i minimi storici, sotto l’aspetto etico e della correttezza morale. Non vedo più la Politica che avevo conosciuto, improntata al bene comune e al dialogo con gli avversari. C’è stato un imbarbarimento, con pesante strumentalizzazione istituzionale».

Sta quindi lavorando a qualche lista civica? «Molti cittadini mi stanno chiedendo un nuovo impegno –dichiara– Valuterò, con calma, siccome ci sono ancora sette mesi davanti».

Elezioni 2021 a Carmagnola: Movimento 5 Stelle

Esclude invece ogni candidatura personale, sia a sindaco che a consigliere, il grillino Sergio Grosso, attuale capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio comunale e già in corsa per la poltrona di Primo Cittadino cinque anni fa.

«Resto convinto che ogni cosa debba avere un inizio e una fine: dopo due mandati, è ora di lasciare spazio ad altri», afferma. Resterà comunque nel gruppo di attivisti pentastellati locale, a supporto di chi si prenderà l’impegno di candidarsi. «Al momento stiamo cercando di mettere insieme un nuovo gruppo di persone motivate, disposte a mettersi in gioco per la città: è la base per ogni futura iniziativa».

Dato che ora per il Movimento 5 Stelle le alleanze non sono più un tabù, state valutando l’ipotesi di non andare da soli, magari seguendo l’esempio del Governo nazionale con il Pd? «Siamo stati contattati da entrambi gli schieramenti, in modo informale, ma ogni decisione verrà presa da chi sarà in prima linea alle prossime Amministrative e senza alcuna influenza da parte di livelli nazionali o regionali. In ogni caso, eventuali alleati dovranno accettare le proposte per la città che il Movimento sta portando avanti da anni».

Elezioni 2021 a Carmagnola: il Centrosinistra

Negli ultimi mesi hanno subito un’accelerazione anche le attività all’interno del centrosinistra, tra riunioni politiche e confronti con gli attivisti. Obiettivo: dare vita a una nuova proposta per Carmagnola, da governare con modalità alternative a quelle attuali.

«Questi cinque anni, con Cammarata plenipotenziario all’interno dell’Amministrazione, hanno dato origine a un insieme interventi a spot, anche ben propagandati, ma senza una visione complessiva di sviluppo della città -riflette Federico Tosco, segretario cittadino del Partito Democratico e attuale consigliere di opposizione- Il nuovo Piano regolatore rappresenterà la più grande partita da giocare per il prossimo quinquennio».

Avete già un nome, o una rosa di nomi, per guidare la vostra Coalizione? «Preferiamo prima lavorare a costruire una proposta, poi una squadra e, infine, trovare il candidato o la candidata sindaco: i nomi vengono di conseguenza al percorso di riflessione sulla città, mettendo insieme persone, idee e contenuti», replica Tosco.

Possibili alleanze? «Siamo disponibili ad allagare la squadra con chi condivide la nostra visione della città e il nostro giudizio su questa Amministrazione Cammarata-centrica, ma non ci interessano alleanze costruite a tavolino per vincere le elezioni -fa sapere il segretario Dem- In ogni caso, “Carmagnola Insieme”, nata dalle esperienze delle Giunte di Angelo Elia, per sua natura non rappresenta una somma di partiti, ma persone di tutto il tessuto sociale carmagnolese».