Incendio di Borgo Salsasio: per non dimenticare, 76 anni dopo

926

Si è svolta, alla presenza del sindaco Ivana Gaveglio, la cerimonia di commemorazione dell’incendio nazista che distrusse Borgo Salsasio di Carmagnola durante la seconda guerra mondiale.

commemorazione incendio salsasio 2020 foto Enrico Perotti per Il Carmagnolese
Il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio, mentre depone un mazzo di fiori a memoria dell’incendio di Salsasio del 1944, che distrusse oltre cento case del borgo carmagnolese, appiccato dai nazi-fascisti per rappresaglia [foto di Enrico Perotti per Il Carmagnolese]
Si è svolta questa mattina, in piazza XXV luglio a Salsasio, la commemorazione ufficiale per il 76esimo anniversario dell’incendio del borgo di Carmagnola, avvenuto nel 1944 per opera dei nazi-fascisti.

Il sindaco Ivana Gaveglio ha deposto due mazzi di fiori alle due lapidi presenti sulla piazza mentre, con il contributo della Banda della Società Filarmonica di Carmagnola, è stato suonato il silenzio.

commemorazione incendio salsasio 2020 foto Enrico Perotti per Il Carmagnolese
Alcuni dei presenti alla commemorazione di questa mattina in piazza XXV luglio, a Borgo Salsasio di Carmagnola [foto di Enrico Perotti per Il Carmagnolese]
Successivamente il sindaco ha tenuto un breve discorso, in cui ha ricordato l’atrocità del gesto compiuto dai nazi-fascisti e ha anche citato l’attualità, sottolineando come “in maniera molto più silenziosa oggi succedono fatti molto gravi“, in riferimento al femminicidio avvenuto a Carmagnola venerdì scorso.

Alla cerimonia erano presenti diversi esponenti della Giunta e del Consiglio comunale, il parroco di Salsasio don Iosif Patrascan e diversi abitanti del borgo, che ogni anno commemorano l’incendio che, nella notte di San Giacomo, distrusse oltre 100 case del borgo, appiccato dagli occupanti tedeschi di stanza a Carmagnola come rappresaglia.