Inquinamento alla Bossola: limitazioni per le acque dei pozzi

189

Proseguono gli interventi gestiti dal Comune in relazione alla bonifica del sito inquinato alla Bossola. «In queste settimane si sta procedendo alla determinazione dell’estensione dell’inquinamento da tetracloroetilene: attualmente la verifica è effettuata nelle acque sotterranee di prima falda –spiegano dal Comune- L’intervento è in capo al Comune come previsto dalla normativa». La richiesta di co-finanziamento inoltrata a febbraio alla Regione, però, è stata respinta a causa della carenza di risorse: Carmagnola, tuttavia, ha deciso di proseguire con risorse economiche ed umane proprie in questa impegnativa operazione.

In attesa del termine dei rilievi e dei risultati delle analisi, il Comune, l’Arpa Piemonte e l’Asl TO5, che intervengono nel procedimento, hanno ritenuto opportuno adottare alcune misure di prevenzione della salute pubblica a tutela dei cittadini che risiedono a valle del sito inquinato e che utilizzano i pozzi insistenti sulla prima falda: a esse si raccomanda in particolare di osservare le disposizioni impartite, per prudenza ancor prima che per necessità (l’acqua potabile è sicura e non inquinata, così come rilevato dai prelievi periodici di campioni effettuati dall’Asl).

L’ordinanza ha validità di sei mesi -fino a febbraio 2016- e prevede alcune limitazioni. Ai cittadini è vietato l’utilizzo dell’acqua prelevata dai pozzi per bere, preparare bevande, la cura del corpo e la preparazione e cottura di alimenti (a meno che il proprietario non richieda e ottenga a proprie spese il certificato di potabilità dell’acqua). E’ invece consentito l’utilizzo dell’acqua dei pozzi, che risultino positivi alla presenza di tetracloroetilene con concentrazione inferiore a 40 microgrammi/litro, per irrigare gli orti privati domestici, poiché non vi sono rischi per la salute umana: il solvente, infatti, non si trasferisce dal terreno alle piante

Per quanto riguarda le aziende di produzione ortaggi, è consentito l’utilizzo di acqua con una concentrazione inferiore ai 40 microgrammi/litro per irrigazione. In caso di utilizzo di acqua contaminata per irrigazioni in serre o con sistemi che possano causare una eccessiva esposizione per via inalatoria da parte degli operatori è necessaria l’adozione di misure preventive dell’esposizione, come previsto dalla normativa in materia di sicurezza dei lavoratori. Nelle aziende zootecniche è consentito l’uso dell’acqua dei pozzi con concentrazione inferiore ai 40 microgrammi/litro per l’abbeverata degli animali.

Per maggiori informazioni contattare l’Ufficio Ambiente allo  011-9724258 o via email ambiente@comune.carmagnola.to.it.

Piergiorgio Sola