Interviene la Regione, il Pronto Soccorso di Carmagnola resta aperto h24

683

La Regione Piemonte annuncia l’invio di personale straordinario per garantire l’apertura 24 ore su 24 del Pronto Soccorso di Carmagnola, dopo che l’Asl TO5 ne aveva annunciato la chiusura in orario serale e notturno a partire da metà settembre.

pronto soccorso di carmagnola aperto
“Il Pronto Soccorso di Carmagnola resterà aperto h24”: lo garantisce il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, che ha annunciato l’invio di personale straordinario a supporto dell’Asl TO5

La Regione Piemonte -con un comunicato inviato sabato direttamente dall’ufficio del presidente Alberto Cirio- ha annunciato un intervento straordinario a supporto dell’Asl TO5 per garantire anche nei mesi a venire l’apertura 24 ore su 24 del Pronto Soccorso dell’ospedale San Lorenzo di Carmagnola.

L’Azienda Sanitaria, infatti, pochi giorni fa aveva annunciato di dover ricorrere alla chiusura parziale della struttura -indicativamente dalle 20 alle 8, come già avvenne durante la crisi Covid, ma questa volta a tempo indeterminato- a causa della carenza di medici e degli elevati costi di gestione dei cosiddetti “gettonisti”, il personale sanitario su chiamata utilizzato per coprire i turni scoperti.

Stando a quanto dichiarato dall’Asl, inoltre, i passaggi nel reparto di emergenza del San Lorenzo risulterebbero “in calo” rispetto al passato, motivo per cui si sarebbe resa necessaria «un’ottimizzazione delle risorse». Voci che, peraltro, si rincorrevano già dallo scorso marzo, come riportato da “Il Carmagnolese”.

«Nel 2024 l’ospedale di Carmagnola avrà la nuova Terapia Intensiva»

L’annuncio, però, ha suscitato l’immediata reazione sdegnata di tutto il mondo politico, sia a livello locale che regionale, senza distinzioni di “colore”. Il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio, ha quindi subito chiesto un incontro con i vertici dell’Azienda Sanitaria e con i primari «per sapere da loro cosa vogliono far diventare Carmagnola».

In parallelo, il Comune si è mosso sul piano istituzionale, contattando la Regione, Ente da cui dipende l’organizzazione del sistema sanitario. Anche il consigliere regionale di maggioranza Davide Nicco (FdI), ex sindaco di Villastellone, ha addirittura minacciato di aprire una crisi politica a Palazzo Lascaris pur di tutelare l’apertura h24 del Pronto Soccorso carmagnolese.

«Si tratta di un servizio che non può rispondere solo a logiche economiche e statistiche: va mantenuto laddove, in caso di emergenza non ci sono alternative di soccorso comode e veloci, come nel caso del Carmagnolese, da cui per arrivare a Chieri o Moncalieri si impiega fino a mezz’ora, tempo che può fare la differenza tra la vita e la morte. E la vita è qualcosa di più di una voce economica nel conto profitti e perdite di un’Asl», ha dichiarato Nicco.

Nuovo rischio di chiusura per il Pronto soccorso di Carmagnola?

Così, nel giro di poco più di 24 ore dal primo annuncio di possibile chiusura, è arrivata la smentita, direttamente da Cirio: «Il Pronto Soccorso di Carmagnola non chiuderà di notte: la Regione ha dato mandato ad Azienda Zero di mettere a disposizione il proprio personale dell’Emergenza-urgenza in modo da garantire l’apertura 24 ore su 24, senza alcuna revisione del servizio, compresa la week surgery per gli interventi chirurgici in corso di attivazione all’interno della struttura».

Spiega lo stesso presidente regionale: «Abbiamo raccolto l’allarme lanciato dall’Asl TO5 sul rischio che il Pronto Soccorso di Carmagnola potesse chiudere di notte per carenza di medici e personale sanitario e ci siamo immediatamente attivati per individuare la soluzione che prevede l’intervento di Azienda Zero a supporto del personale dell’ospedale che così potrà continuare a rispondere in maniere efficace ai bisogni di cura della cittadinanza».

Soddisfatta per l’epilogo anche Gaveglio: «Sono lieta che il rischio di chiusura notturna del Pronto Soccorso del nostro ospedale sia scongiurato -ha dichiarato- Ringrazio il presidente Cirio e la Regione per l’immediato intervento e per la soluzione individuata, che ci consente di garantire ai nostri cittadini e a quelli dei Comuni limitrofi un servizio importante come quello dell’emergenza anche durante le ore notturne».

“Ospedale di Carmagnola al collasso”: l’accusa dell’onorevole Ruffino (Azione)