L’istituto agrario di Carmagnola coltiva l’asparago di Santena

1540

All’Istituto agrario “Baldessano-Roccati” di Carmagnola è stata creata un’asparagiaia per la coltivazione dell’asparago di Santena, all’insegna della biodiversità.

carmagnola asparago
Gli studenti dell’istituto hanno recentemente trapiantato le “zampe” dell’asparago di Santena nella nuova asparagiaia.

L’Istituto agrario “Baldessano-Roccati” di Carmagnola ha recentemente creato una nuova asparagiaia, destinata alla coltivazione dell’asparago di Santena. Gli studenti, anche grazie a un programma di alternanza scuola-lavoro, hanno preso parte al progetto, trapiantando le “zampe” a partire dai semi donati anni fa alla scuola.

“Nell’asparagiaia è stata inserita la varietà coltivata dai contadini di Santena per generazioni -spiega il professore Mario CostanzoUno dei nostri obiettivo è proteggere la biodiversità: perciò abbiamo puntato tantissimo su questo asparago. Inoltre, abbiamo piantato una fila di micorrize, in cui un fungo interagisce con la pianta, facendo sì che entrambi ne traggano vantaggio”.

Da quest’anno, il seme è riprodotto direttamente a Carmagnola: “Lo abbiamo da tre anni e ha prodotto una pianta. All’interno di una serra, stanno crescendo le piantine generate dal seme “autoprodotto” -prosegue Costanzo- Il territorio carmagnolese ha un grande potenziale di conservazione della biodiversità, a partire dal peperone e dal porro dolce. Tuttavia, si va nella direzione degli ibridi, più produttivi, a discapito delle varietà non ibride. Perciò l’Istituto fa sì che lavarietà santenese sia mantenuta in modo molto controllato“.

La biodiversità ci rende felici quanto un aumento del reddito

I semi sono stati forniti dall’Associazione Consumatori di Santena, mentre la scuola si sta occupando della loro riproduzione: tra 2 o 3 anni saranno pronti i nuovi asparagi.

È stata rinnovata la convenzione con l’Associazione Amici della Fondazione Cavour e con l’Associazione Produttori dell’Asparago di Santena e delle Terre del Pianalto, stipulata nel 2016 –aggiunge la professoressa Raffaella Baudo– La scuola è diventata produttrice e selezionatrice dell’asparago santenesegià l’anno scorso ha prodotto qualcosa. Gli allievi stanno seguendo tutta la procedura dall’inizio alla fine, lavorando in diversi gruppi, per coordinare meglio le attività. Sul sito dell’istituto, è possibile vedere un video in cui gli alunni piantano le “zampe” dell’asparago“.

Asparagi: proprietà, benefici e usi del re degli ortaggi