“L’equilibrio delle lucciole” di Valeria Tron è candidato al Premio Strega

453

“L’equilibrio delle lucciole”, primo romanzo di Valeria Tron, è ufficialmente candidato al Premio Strega. Tron era stata ospite dei Comuni di Castagnole Piemonte e Piobesi Torinese per la presentazione del libro a novembre 2022.

castagnole piemonte piobesi torinese valeria tron libro presentazione premio strega
Il libro “L’equilibrio delle lucciole” di Valeria Tron è candidato al Premio Strega 2023, presentato da Vivian Lamarque; il romanzo era stato oggetto dell’incontro organizzato dai Comuni di Castagnole Piemonte e Piobesi Torinese nel novembre 2022 (foto di Claudio Bonifazio)

“L’equilibrio delle lucciole”, primo romanzo di Valeria Tron, è ufficialmente candidato al Premio Strega dell’anno 2023. L’opera era stata presentata nella biblioteca di Piobesi Torinese nel novembre scorso, in collaborazione con il Comune di Castagnole Piemonte; all’incontro alcune letture erano state condotte dal gruppo #piobesichelegge, mentre a moderare l’evento era stato Andrea Laruffa, consigliere castagnolese e direttore de “Il Chisolino”.

Il libro, pubblicato dalla casa editrice Salani, è stato proposto dalla poetessa, scrittrice e traduttrice italiana Vivian Lamarque, tra i titoli papabili per concorrere al Premio Strega.

Per la 77esima edizione del Premio sono ottanta i titoli presentati dagli Amici della domenica, la Giuria storica del premio; sono tutti libri di narrativa, pubblicati tra il 1° marzo 2022 e il 28 febbraio 2023. Sarà poi il Comitato direttivo del premio a individuare i dodici libri che disputeranno l’edizione di quest’anno; si arriverà poi ad una rosa di cinque finalisti, fino all’annuncio del libro vincitore nel mese di luglio.

Il Dopo Festival arricchirà l’edizione 2023 di “Letti di Notte” a Carmagnola

Valeria Tron aveva presentato il suo primo romanzo nel mese di novembre 2022 a Piobesi Torinese: questo Comune e l’Amministrazione di Castagnole Piemonte avevano organizzato l’evento nella biblioteca piobesina, aggiungendo così un tassello in più al già lungo sodalizio che univa la scrittrice ai due Comuni (è nota la collaborazione degli anni scorsi per il progetto Graphica Etica).

Si tratta di un esordio che i nostri due Comuni hanno avuto il piacere di rappresentare e testimoniare durante la presentazione dell’opera che si è svolta nel novembre 2022 all’interno della biblioteca piobesinaraccontano le due Amministrazioni comunali in un comunicato condivisoIn 160 anni di storia della Salani Editore è la prima volta in cui la casa editrice partecipa con una sua opera edita. Congratulazioni a Valeria Tron e a tutto il suo desiderio di cultura che condivide con le ‘genti’“.

Valeria Tron presenta il suo primo romanzo in biblioteca a Piobesi

Il libro è stato proposto per il Premio Strega da Vivian Lamarque con queste parole: “Proveniente dalla Val Germanasca, Tron ha dato voce alla sua gente e alla sua terra, alla comunità valdese e a un’intera cultura poco conosciuta. Il sottovoce del patois è forte richiamo. Quando risuona, il lettore inizialmente si giova della traduzione come di sottotitoli, col procedere può ignorarli, a fine libro ha imparato una lingua. E ripassato quella remota dei paesi del ghiaccio, tra le case di pietra, e quella della legna che brucia nelle stufe. Scrittura con forza, ricerca personale di una memoria collettiva (per me, leggendo, quella della mia originaria valdesità, ma questo non c’entra). Avrei però titolato diversamente, senza lucciole. E, in patois: Meizoun, casa“.

Valeria Tron sui suoi canali social ha poi commentato questa piacevole sorpresa, ringraziando anche i lettori che in questi mesi hanno ascoltato il suo racconto e lo hanno accolto. “Una scia luminosa di mercì. Meizoun. Quella parola sola ha guidato la mia scrittura dalla prima all’ultima pagina. E la casa si è espansa raccogliendo bellezza e umanità a ogni viaggio -ha scritto l’autrice, ringraziando anche la casa editrice Salani e chi ha collaborato con lei, oltre a chi l’ha sostenuta in questo percorso- Grazie a ognuno di voi che, con affetto e generosità, avete fatto vela e ponte al viaggio della Meizoun collettiva“.

Il Chisolino raccoglie oltre 400 euro con i calendari di Graphica Etica