Matrimonio tra il Peperone di Carmagnola e i vini del Roero

111

In vista della Fiera nazionale del Peperone 2022 è stato annunciato il “fidanzamento” tra il celebre ortaggio carmagnolese e i vini del Roero.

Roero peperone
Annunciata una sinergia enogastronomica tra il Peperone di Carmagnola e i vini del Roero: uno dei produttori più celebri, Matteo Correggia, da tempo vede le sue etichette illustrate dall’artista carmagnolese Coco Cano (foto @ oltreilbalcone)

«Il Peperone di Carmagnola è ancor più gustoso se accompagnato da un buon bicchiere di Roero». Con questa frase è stato annunciato il “fidanzamento” con il Consorzio di Tutela del Roero e il suo territorio, che diverrà “matrimonio” il giorno dell’inaugurazione della Fiera, il 2 settembre.

Durante i dieci giorni della kermesse carmagnolese saranno varie, infatti, le iniziative eno-gastronomiche che proporranno insieme queste due eccellenze del territorio Torinese e Cuneese.

Fiera del Peperone di Carmagnola, presentata l’edizione 2022

I produttori vinicoli del Roero si sono riuniti nel Consorzio allo scopo di svolgere le funzioni di tutela, promozione, valorizzazione, informazione del consumatore e cura generale degli interessi relativi alla Docg “Roero”, che si basa sui vitigni Arneis e nebbiolo, uve autoctone, coltivate da secoli e interpretate con grande attenzione.

«Oggi sono più di 200 gli iscritti, fra produttori e viticoltori, con oltre mille ettari coltivati, per un totale di circa sei milioni di bottiglie prodotte, di cui più del 60% viene esportato -sottolinea il presidente del Consorzio, Francesco MonchieroL’unione fa la forza e permette di promuovere tutti insieme non solo il vino ma l’intero territorio».

Nuova grafica per la Fiera del Peperone di Carmagnola