Maxi allevamento di maiali a Poirino, le osservazioni dei comitati contrari

425

Il Comitato Pro Ternavasso e Pro Natura Piemonte hanno presentato le proprie osservazioni alla Città Metropolitana di Torino in merito al progetto dell’allevamento di maiali a Poirino.

allevamento maiali Poirino
Il progetto è stato presentato dall’Azienda Agricola Marchisone

Il Comitato Pro Ternavasso e Pro Natura Piemonte hanno presentato in Città Metropolitana di Torino le proprie osservazioni in merito al progetto dell’Azienda Agricola Marchisone per la costruzione di un maxi allevamento di maiali a Poirino.

Nelle osservazioni – fanno sapere il comitato Pro Ternavasso e Pro Natura – viene precisato che l’area oggetto di intervento è soggetta a vincoli di inedificabilità per ragioni di difesa idrogeologica ed ambientale dei luoghi e degli insediamenti: il progetto viola i limiti per l’edificazione e non rispetta la distanza dal rio Venesima, presumibilmente per trarre vantaggio dal corso d’acqua.

Si evidenzia quanto sia irragionevole che venga autorizzato un impianto che produce reflui che conserva per mesi in cisterne da quasi 40 metri di diametro, a poche decine di metri da un rio che, in caso anche involontario, sarebbe il primo recettore dei liquami che si riverserebbero, inquinando un’area enormemente estesa e sottoposta a specifico vincolo paesaggistico. L’area dell’impianto risulta localizzata in stretta adiacenza al sito Natura 2000 “Peschiere e Laghi di Pralormo”, localizzata in Comune di Ceresole d’Alba che prevede il divieto di edificazione e costruzione di nuove infrastrutture in un’area di 500 metri dagli stagni esistenti. 

Poirino: nuovo progetto per un maxi-allevamento di maiali al Ternavasso

Il Piano Paesaggistico Regionale in vigore definisce l’area oggetto del progetto, per la presenza di flora, fauna e acque soggette a particolare tutela, come zona di particolare pregio e ad elevato interesse agronomico e di rilevanza paesaggistica. Questo per la presenza del borgo di Ternavasso, dal Castello e dal Lago di Ternavasso, protetti dalla Soprintendenza delle Belle Arti come beni da valorizzare e da salvaguardare. È evidente che l’installazione di un allevamento suinicolo intensivo delle dimensioni in progetto (8.400 capi dichiarati), si pone in contrasto ed appare inconciliabile con gli obiettivi espressamente individuati dal PPR.

L’edificazione dell’allevamento avrebbe, per dimensioni e immissioni, un impatto negativo irreversibile, sulla fruibilità dei beni paesaggistici e culturali che sorgono nelle vicinanze e sulla intera zona e la sua fruibilità naturalistica. Nel progetto manca la valutazione delle emissioni del particolato e del calcolo degli inquinanti che inevitabilmente lo stabilimento, per la natura e dimensioni dell’allevamento intensivo, produrrebbe ed immetterebbe nell’ambiente. Peraltro, dall’analisi del progetto risulta che la quantità massima di suini insediabile è maggiore di 10.000 capi, maggiore rispetto ai conteggi effettuati dal proponente su 8.400 capi, con un conseguente ulteriore incremento della produzione di inquinante.  

Siamo fiduciosi– concludono il comitato Pro Ternavasso e Pro Natura – che le Osservazioni presentate rappresentino un solido argine contro la realizzazione di un progetto che ancora troppa poca gente conosce e quindi non sono noti gli effetti devastanti che comporterebbe al territorio di Ternavasso e dei Comuni limitrofi“.

Allevamenti intensivi di maiali in Spagna, gli effetti sono devastanti