Carmagnola: approvato all’unanimità l’ordine del giorno di FdI contro il caro-energia

188

L’Ordine del Giorno contro il caro energia presentato da Fratelli d’Italia e condiviso dagli altri partiti di maggioranza è stato approvato all’unanimità dal Consiglio comunale di Carmagnola.

caro energia Carmagnola
Il gruppo di Fratelli d’Italia è stato il primo firmatario dell’OdG contro il caro-energia approvato da tutto il Consiglio comunale di Carmagnola

Un Ordine del Giorno per difendere le tasche dei cittadini che rischiano di pagare due volte questi rincari folli“: così Lorenzo Stella, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio comunale a Carmagnola, ha presentato il documento contro il caro-energia, sottoscritto dalle altre forze di Maggioranza (Lega e Forza Italia) e poi approvato all’unanimità dall’Assise civica cittadina.

La Politica, negli ultimi anni, ha dimostrato poca lungimiranza: se avessimo puntato di più sull’indipendenza energetica, a quest’ora non saremmo in questa situazione“, è la riflessione fatta in aula dal consigliere Albani.

Anche il vicesindaco Cammarata è intervenuto nella discussione: “I rincari, iniziati già dal luglio 2021 a causa della bolla dei prezzi dei materiali creata dal 110%, con il conflitto russo-ucraino sono diventati insostenibili sia per i privati che per gli Enti locali. Se il Governo non dovesse intervenire in modo massiccio molti enti locali rischierebbero di andare in default“.

Carmagnola: bilancio (e non solo) all’attenzione del Consiglio comunale

Le richieste avanzate al presidente del Consiglio, formulate nell’Ordine del Giorno, sono le seguenti:

  • Attivarsi, presso gli organi competenti, affinché venga istituito un apposito fondo ministeriale che trasferisca ai Comuni italiani idonee risorse economiche che contribuiscano ad abbattere i costi derivanti dai rincari dei servizi di fornitura di energia elettrica e gas;
  • Attivarsi, presso gli organi competenti, affinché venga valutata la possibilità di sostenere, da parte del Ministero dell’Economia e Finanze, le spese derivanti dalle potenziali penali conseguenti la rinegoziazione dei mutui mediante estinzione totale o parziale degli stessi, in modo tale da supportare i comuni che intendano alleggerire la parte corrente del bilancio comunale;
  • Attivarsi, presso gli organi competenti, affinché gli stessi si mobilitino presso Consip per trovare soluzioni condivise alternative che siano in grado di garantire un contenimento dei costi dei servizi.

10 proposte sulle rinnovabili per liberarci dal gas avanzate dalle associazioni ambientaliste