Piemonte: incentivi regionali per rottamare stufe e caldaie a biomassa

1026

La Regione Piemonte ha lanciato un bando con incentivi per sostituire i vecchi generatori di calore a biomassa legnosa con altri più moderni ad alta efficienza. Stanziati contributi a fondo perduto per quasi 9 milioni di euro.

piemonte incentivi biomassa
Contributi a fondo perduto per rottamare stufe e caldaie a biomassa (foto: Regione Piemonte)

Incentivi a fondo perduto per rottamare stufe e caldaie a biomassa in Piemonte: l’obiettivo del bando, promosso dalla Regione, è quello di contribuire al miglioramento della qualità dell’aria e all’incremento dell’efficienza energetica, così da contrastare le emissioni generate dall’utilizzo di apparecchi per il riscaldamento ormai obsoleti.

Possono richiedere gli incentivi tutti i residenti in Piemonte che intendono rottamare stufe e termocamini o caldaie per riscaldamento domestico a biomassa legnosa (di potenza inferiore ai 35kWt) per sostituirli con nuovi generatori caratterizzati da basse emissioni e alta efficienza.

Bruciare la legna nei camini e nelle stufe tradizionali e a pellet inquina: ti spieghiamo perché

I contributi ammontano a 1500 euro per l’acquisto di stufe e termocamini e 3000 euro per l’acquisto di caldaie appartenenti alla classe 5 Stelle. Sono stati stanziati quasi 9 milioni di euro a fondo perduto.

Per ottenere il contributo è necessario aver sottoscritto il finanziamento assegnato dal GSE (Gestore Servizi Energetici) e conseguito con il “Conto termico”, al quale si andrà a sommare.

È possibile ottenere ulteriori informazioni a riguardo o partecipare al bando cliccando qui.

Qualità dell’aria in miglioramento a Carmagnola nel 2021? “Effetto Covid”