Piemonte: monitoraggio gratuito per chi è stato ricoverato causa Covid

664

I pazienti Covid che hanno sviluppato la malattia in forma grave, con ricovero in ospedale, potranno disporre in Piemonte di un monitoraggio sanitario gratuito fino al 2023. “È un modo per accompagnarli dopo la guarigione per individuare in modo tempestivo eventuali effetti a lungo termine che possono richiedere interventi sanitari”.

monitoraggio pazienti Covid piemonte
Monitoraggio sanitario gratuito per i pazienti Covid che hanno necessitato del ricovero in ospedale (foto: Regione Piemonte)

La Regione Piemonte mette a disposizione oltre quattro milioni di euro per consentire alle persone che sono state colpite dal Covid in forma severa -con ricovero in ospedale- l’esenzione dal ticket per le visite e gli esami di monitoraggio. La misura è valida fino a maggio 2023.

“L’obiettivo è quello di accompagnare i pazienti Covid dopo la guarigione clinica per individuare in modo tempestivo eventuali effetti o complicanze a medio e lungo termine che possono richiedere interventi sanitari”, spiega l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi

Per ottenere l’esenzione occorre rivolgersi all’Asl di residenza, presentando una certificazione rilasciata da una struttura ospedaliera o ambulatoriale pubblica che attesti le dimissioni in seguito a un ricovero ospedaliero a causa del Coronavirus.

Un canale WhatsApp della Regione Piemonte dedicato al Covid

I principali esami e visite previsti sono:

  • Alanina aminotransferasi, aspartato aminotransferasi, gamma glutamil transpeptidasi, emocromo, proteina C reattiva, Ves, prelievo di sangue venoso, creatinina, tempo di Protrombina, creatinina Clearance, ferritina, ferro, emogasanalisi arteriosa sistemica, prelievo di sangue arterioso, prelievo di sangue capillare, esame chimico, fisico e microscopico delle urine (frequenza 3, 6, 12, 24 mesi)
  • Elettrocardiogramma dinamico, elettrocardiogramma, ecocolordopplergrafia cardiaca, test del cammino e Tomografia computerizzata del torace (1 volta/anno)
  • Spirometria globale e diffusione alveolo capillare del CO (2 volte/anno)

Per chi ha più di 70 anni sono previsti inoltre un consulto complessivo e una valutazione multidimensionale geriatrica d’equipe (due volte all’anno), mentre per i pazienti sottoposti a terapia intensiva/subintensiva è previsto un colloquio psicologico clinico.

Covid-19 e terapia intensiva: il racconto della comandante Creuso