Piobesi: un progetto per adolescenti sull’uso consapevole di Internet

141

Parte il 26 novembre a Piobesi Torinese un nuovo ciclo di incontri dedicato agli adolescenti: “You’re not a fish” è il progetto, sostenuto interamente dall’Unitre del paese, per approfondire le tematiche del sexting, del grooming e di un approccio responsabile alla rete internet.

adolescenti internet
La locandina del nuovo ciclo di incontri per adolescenti dal titolo “You’re not a fish”, organizzato dal Centro Aggregativo Giovanile di Piobesi Torinese (fonte foto: Comune di Piobesi Torinese)

Venerdì 26 novembre 2021 inizia a Piobesi Torinese un nuovo ciclo di incontri dedicato interamente agli adolescenti e al loro rapporto con la rete Internet: “You’re not a fish” [“Non sei un pesce”] è organizzato dal Centro Aggregativo Giovanile del paese in collaborazione con il Comune, la cooperativa ET e, in particolare, grazie all’Unitre piobesina.

L’Associazione dell’Università per la Terza Età ha infatti portato avanti un progetto “solidale e sociale che prevedeva di stanziare una quota del costo di iscrizione di ogni socio e socia del gruppo proprio con la finalità di sostenere un’iniziativa dedicata ai giovani; è stato così possibile realizzare il ciclo di incontri che avranno inizio questa settimana. L’iniziativa è rivolta a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 14 e i 20 anni, e avrà luogo in via XXV aprile 6 a Piobesi.

A Piobesi riparte il progetto giovanile “Spazio al centro”

A gestire il progetto saranno l’educatore del Centro Aggregativo Giovanile e uno psicologo, uno specialista con cui i giovani potranno confrontarsi sulle tematiche che verranno loro proposte, ovvero il sexting, il grooming e i pericoli della rete.

Si tratta di un ciclo di nove incontri per sensibilizzare ragazzi e ragazze adolescenti provenienti dal territorio sulle tematiche del sexting, la pratica di inviare foto a sfondo sessuale o fortemente equivoche attraverso social network, e sul grooming, cioè l’adescamento online, tecnica di manipolazione psicologica spesso adottata da persone adulte nei confronti di minori attraverso i dispositivi mobili e applicazioni di giochi o social network -spiega l’Unitre sul proprio sito per presentare l’iniziativa- Gli incontri che verranno condotti da uno psicologo con la partecipazione dell’educatore del centro hanno come obiettivo l’approfondimento del concetto di rete inteso come gruppo di persone, la prevenzione dei rischi sull’uso scorretto e sull’abuso dei social media e video games, la conoscenza degli strumenti per contrastare i fenomeni di grooming, sexting e chiedere aiuto in caso di difficoltà“.

Gli incontri proseguiranno fino a marzo 2022 secondo il seguente calendario: 26 novembre, 10 e 22 dicembre, 7 e 21 gennaio 2022, 4 e 18 febbraio, 8 e 19 marzo; ogni serata inizierà alle ore 18 per concludersi alle 20.
É necessario iscriversi per poter partecipare, e per farlo è possibile contattare l’educatore Sebastiano (366-8752500): il numero massimo di iscritti è di venti persone.

A Racconigi uno spettacolo sul cyberbullismo e la dipendenza da internet