Carmagnola: raccolta fondi per il San Lorenzo con la Fondazione di Comunità

490

Prosegue, da parte della Fondazione di Comunità, una raccolta fondi specifica per l’ospedale San Lorenzo di Carmagnola.

San Lorenzo ospedale Carmagnola raccolta fondi
La Fondazione di Comunità e il Comune di Carmagnola promuovono una raccolta fondi specifica per l’ospedale cittadino San Lorenzo

La Fondazione Opera Pia Cavalli Onlus, nell’attività di promozione del progetto Fondazione di Comunità, insieme al Comune di Carmagnola, ha lanciato una specifica raccolta fondi destinata ad aiutare l’ospedale San Lorenzo di Carmagnola nel fronteggiare il Coronavirus.

Queste le coordinate bancarie per chi volesse fare donazioni via bonifico: Iban IT70E0335901600100000111811 intestato a Opera Pia Cavalli; causale “Donazione emergenza Covid-19 Carmagnola”.

Se invece, si volesse fisicamente comprare del materiale, la Fondazione è anche disponibile a raccogliere i fondi e acquistarlo direttamente.
«Siamo in contatto con i referenti del San Lorenzo, che quotidianamente ci fanno pervenire le richieste del materiale necessario, in modo da acquistare quello che effettivamente serve giorno per giorno».

caschi ventilazione raccolta fondi san lorenzo carmagnola
Da sinistra: l’assessore Cammarata, l’ex sindaco Silvia Testa (anestesista al San Lorenzo) e il sindaco Gaveglio con la dotazione di 20 caschi respiratori donati oggi all’ospedale di Carmagnola

La Fondazione di Comunità ha collaborato nei giorni scorsi al coordinamento della raccolta fondi e all’acquisto di 20 caschi respiratori per il San Lorenzo, ventilatori polmonari utili per combattere il Coronavirus.

La consegna dei giorni scorsi ha aiutato l’ospedale a fronteggiare l’emergenza: questi presidi, infatti, permettono una ventilazione non invasiva per la persona, che riesce così a rimanere vigile e collaborante -commentano dall’Opera Pia Cavalli– Le necessità del nostro nosocomio sono molte ed è necessario proseguire nell’attività di sostegno. Tutti gli acquisti di attrezzature e dispositivi saranno concordati con l’Ospedale, che indicherà le priorità per gli acquisti“.