La Regione Piemonte assegna contributi per l’invecchiamento attivo

120

La Regione Piemonte ha aperto il bando dedicato all’assegnazione dei contributi per l’invecchiamento attivo: c’è tempo fino al 10 luglio per presentare la domanda.

invecchiamento attivo piemonte

Comuni, Enti gestori delle funzioni socio-assistenziali, Enti del Terzo settore ed Enti associativi diversi operanti in Piemonte hanno tempo dal 14 maggio al 10 luglio 2024 per richiedere l’assegnazione di contributi per la realizzazione di interventi ed iniziative connessi all’attuazione del Piano per l’invecchiamento attivo.

Tra di essi figurano: formazione permanente, educazione e diffusione di stili di vita sani (corretta alimentazione, attività motoria e fisica), screening sanitari, stimolo alla partecipazione, impegno civico e ruolo attivo, possibilità di viaggiare in modo autonomo e con servizi accessibili e adeguati.

Sono compresi anche l’accesso e la fruizione culturale e il sostegno al mantenimento a domicilio della persona anziana e il lavoro a cura dei familiari. La dotazione finanziaria ammonta a 1,1 milioni di euro.

NonnOlimpiadi al via in ottanta residenze per anziani, tra cui Carmagnola

Le istanze di contributo devono essere inoltrate entro le ore 12 del 10 luglio 2024 unicamente tramite posta elettronica certificata. Nell’oggetto occorre indicare “Avviso pubblico per la realizzazione di interventi connessi all’attuazione del Piano per l’invecchiamento attivo – Istanza di contrubito”.

Le domande del contributo in formato .pdf non modificabile dovranno essere inviate al seguente indirizzo: famigliaediritti@cert.regione.piemonte.it. Non saranno accettate istanze e/o allegati in formato word ed excel modificabile. Ogni istanza deve pervenire con apposita documentazione e con la modulistica e tutti gli allegati richiesti debitamente compilati.

I moduli e le informazioni sono ricercabili sul sito della Regione Piemonte nella sezione “Assegnazione di contributi per interventi connessi al Piano Invecchiamento Attivo”.

Gli anziani e la violenza contro le donne: il video di una studentessa a Carmagnola