Romanzo d’esordio per la carmagnolese Simona Marocco

302

Il primo libro della scrittrice carmagnolese Simona Marocco, dal titolo “L’inganno della solitudine”, è stato pubblicato da Horti di Giano.

Simona Marocco
Simona Marocco, con il suo libro “L’inganno della solitudine” (Horti di Giano)

La carmagnolese Simona Marocco ha dato alle stampe il suo libro d’esordio, dal titolo “L’inganno della solitudine”, pubblicato da Edizioni Horti di Giano e disponibile nello store online di Amazon e sul sito dell’editore.

Il romanzo racconta i dolori, le emozioni e le scelte di vita di quattro personaggi, che crollano e si rialzano alla ricerca di un equilibrio che non sempre risulta essere stabile e definitivo.
Tommaso lavora in un call center e vive la monotonia della quotidianità; Rossana fa l’insegnante e ha perso da poco il suo controverso amore; Valeria è un’adolescente che ha dovuto sopportare la malattia di una madre distratta, supportata da suo padre Daniele, che si è dovuto caricare sulle spalle il peso delle responsabilità, finendo per annientarsi comeessere umano.

«Ma, nella vita, le cose possono cambiare e, spesso, a dare il “La” a una nuova melodia di vita sono gli altri che, con una parola, un gesto, uno sguardo possono avviare un percorso di cambiamento e rinascitaspiega l’autriceLa risorsa principale, non va dimenticato, è comunque all’interno di ogni individuo: bisogna trovare il modo per risvegliarla dal torpore dell’abitudine e della ciclicità del vivere».

Il volume è arricchito dalla prefazione del professor Mirko La Bella, psicologo e psicoterapeuta, docente all’Università di Torino, e da illustrazioni disegnate a mano dall’artista Chiara Colaiacomo.

Simona Marocco è nata e vive a Carmagnola. Si è laureata prima in Economia, quindi in Lettere. Nel frattempo è stata assunta nel call center in cui lavora ancora oggi, oltre a seguire un corso di editoria presso una casa editrice locale.

Fin dall’infanzia scrive molto: poesie, diari e fitte corrispondenze epistolari. Oltre alla scrittura la appassionano la lettura, la musica rock, la psicologia, la fotografia e i mercatini dell’usato, senza dimenticare le escursioni nella natura.