“Senza pastori”, il nuovo libro di Agasso sulla carenza di vocazioni

382

Il giornalista carmagnolese Domenico Agasso Jr, vaticanista a “La Stampa”, ha pubblicato un nuovo libro dal titolo “Senza pastori”, dedicato alla crisi delle vocazioni religiose.

libro Domenico Agasso senza pastori crisi vocazioni
La copertina dell’ultimo libro di Domenico Agasso, intitolato “Senza pastori?” e dedicato alla crisi delle vocazioni e al futuro delle parrocchie in Italia (foto: Rubbettino Editore)

Si intitola “Senza Pastori?” il nuovo libro del carmagnolese Domenico Agasso Jr, pubblicato da Rubbettino Editore e dedicato al tema della crisi delle vocazioni religiose all’interno della Chiesa cattolica.

“Mecu” Agasso, figlio e nipote d’arte, è un giornalista 42enne che, da alcuni anni, ricopre il ruolo di vaticanista al quotidiano La Stampa, dove è anche responsabile della rubrica VaticanInsider.

Ha già pubblicato numerosi libri, l’ultimo dei quali dedicato alla figura dell’esorcista Padre Amorth, oltre alla celebre intervista a Papa Francesco, uscita con il titolo “Dio e il mondo che verrà”.

“Dio e il mondo che verrà”, Domenico Agasso jr intervista Papa Francesco

Il nuovo volume “Senza pastori?” è dedicato alla crisi delle vocazioni e al futuro delle parrocchie.

A Sesto, in Val Pusteria, Christine Leiter, mamma e studiosa di teologia, ha celebrato lo scorso ottobre 2019 il primo funerale officiato da una donna in una chiesa cattolica. Nella Diocesi di Cefalù, il vescovo ha affidato la parrocchia di San Paolo Apostolo a un gruppo di laici. Non sono come si potrebbe immaginare bizzarrie o mosche bianche -si legge nella presentazione del libro- Il Vaticano la scorsa estate ha dato mandato alle parrocchie di ricorrere ai laici per la celebrazione di funerali, matrimoni e battesimi qualora non vi fosse la disponibilità di un sacerdote“.

Proseguono dalla casa editrice: “L’Italia dei mille campanili, in cui ogni quartiere di ogni città, ogni paesino per quanto sperduto ha goduto della presenza stabile di un parroco, è destinata a diventare un ricordo: la scarsità di vocazioni sacerdotali e l’età media sempre più avanzata dei sacerdoti porterà nei prossimi anni la Chiesa a rivedere la sua organizzazione territoriale, spingendo i fedeli a forme inedite di partecipazione alla vita delle parrocchie“.

E concludono: “Agasso ci conduce in un viaggio in questa Italia senza pastori, sulle vie dello Spirito che nella sua “fantasia” apre strade nuove in quello che a tutti appare un deserto“.

Papa Francesco, un ecologista nella predica e nella pratica