Più facile accedere al Servizio Dipendenze dell’Asl TO5

320

Accesso libero e senza appuntamento nelle 4 sedi distrettuali del Servizio Dipendenze dell’Asl TO5, compresa quella di via Padre Baravalle a Carmagnola. Una scelta per andare incontro alle necessità dei pazienti.

Serd Asl TO5 ConsoliIl Servizio delle Dipendenze (SerD) dell’Asl TO5 amplia gli orari di apertura al pubblico, adottando una nuova organizzazione. Il nuovo modello -definito “a porta aperta” prevede l’accesso diretto senza appuntamento ed è operativo dallo scorso sabato 1 settembre.

Rispetto agli attuali orari vi sarà un aumento del 60% dell’apertura ad accesso diretto –spiega il direttore del SerD, Augusto Consoli (nella foto)- Interessante è la condivisione dell’iniziativa da parte di tutti gli operatori e il cambiamento che, oltre che operativo e concreto, è di carattere culturale e consiste in un atteggiamento pro-attivo tendente ad abbattere le barriere burocratiche, facilitare l’accesso e la consultazione diretta, e che va incontro alle molteplici esigenze della popolazione”.

A Carmagnola la sede del SerD è in via Padre Baravalle 5. Qui tutti gli orari e gli indirizzi a cui fare riferimento.

L’ampliamento orario complessivo sui 4 Serd distrettuali, rispetto a quello precedente, ammonta a 82 ore settimanali. E’ possibile rivolgersi a qualunque sede dell’Asl, a prescindere dalla propria residenza.

Un modello nuovo, che intende andare incontro a quelle che sono le attuali necessità del paziente “dipendente”. “Bisogna infatti sfatare un po’ il pensiero comune che vuole il “dipendente” come uno sfaccendato e nullafacente –precisa Consoli- I pazienti con dipendenze, sono sovente integrati nel tessuto sociale. Basti pensare ai giocatori che sono ormai patologici, agli adolescenti per i quali può essere previsto l’intervento dei genitori. Per questo motivo gli orari si estendono al di fuori degli orari lavorativi e, dunque, ad una popolazione attiva”.

Con l’accesso libero e in orari extra lavorativi si intende dare una risposta immediata e multi professionale. “Si tratta di un passaggio culturale importante –afferma il Direttore generale dell’Asl TO5, Massimo UbertiDobbiamo iniziare a pensare al problema delle dipendenze in modo diverso, più pronto e flessibile”.