Festa degli Insegnanti: testo inedito di Gian Antonio Bertalmia dedicato alla sua Maestra

675

“Il Carmagnolese” è lieto e onorato di pubblicare un testo inedito del compianto Gian Antonio Bertalmia, inviato dalla sua famiglia e dedicato alla figura della Maestra, oggi 7 aprile festa di San Giovanni Battista de La Salle, patrono degli Insegnanti.

poesia maestra bertalmia inedito“Il Carmagnolese” è lieto e onorato di pubblicare un testo inedito di Gian Antonio Bertalmia, inviato dalla sua famiglia e dedicato alla figura della Maestra, oggi 7 aprile, festa di San Giovanni Battista de La Salle, patrono di tutti gli Insegnanti.

“Dedicata alla mia Maestra”: il testo inedito di Gian Antonio Bertalmia

Cara Maestra,
la fine di una scuola coincide spesso con l’addio alla Maestra, l’addio a una persona che abbiamo amato e che ci ha amato. Spesso è l’inizio di una nuova avventura in una nuova scuola. E io non so se sono più contento perché è finita la scuola o se sono più triste perché non ti vedrò più.

Allora ho deciso di scriverti queste poche righe, ma non voglio scriverle con il cervello, voglio scriverle con il cuore, perché è nel cuore che nascono le parole più belle, è nel cuore che nasce l’affetto più tenero e l’amore più sincero.

Cara Maestra,
voglio dirti che ti porterò sempre nel cuore, come una seconda mamma, e ti sarò sempre grato per i cinque anni che ho passato con te.
Ti ringrazio per avermi fatto diventare grande, per avermi fatto diventare un ometto. Adesso mi accorgo che sono diventato alto perché tu, Maestra, sei diventata piccolina.

Ricorderò per sempre la tua grande pazienza e quante volte ti sei alzata per andare alla lavagna a spiegarmi qualcosa che non riuscivo a comprendere.
Ricordo la tua calma, i tuoi gesti semplici ma pieni di affetto. Un affetto grande, un affetto vero!

E ciò che tu hai scritto su quella lavagna lo ricorderò per tutta la vita. Tu mi hai fatto comprendere quanto sia meraviglioso imparare.
Grazie per l’applicazione e gli accorgimenti particolari che hai impiegato per rendere i programmi meno noiosi. Come quei lavoretti che avevi inventato per far passare il tempo imparando nuove cose e rendere le lezioni più allegre.

Tu eri dolce, cara Maestra, dolce come una farfalla e, quando passavi in mezzo a noi, ogni tanto mi posavi la mano sul capo e mi davi una carezza. Tu ci hai insegnato cose che non sono scritte nei libri, cose che ci hai trasmesso al di fuori del programma scolastico. Tu sei stata la vera differenza, con il tuo animo, la tua gentilezza, il tuo amore e il tuo coraggio da seconda mamma.

Cara Maestra,
se mi chiedessero di darti un voto, ti darei sicuramente un bel dieci e lode perché, per me, sei stata una guida insostituibile e non ti dimenticherò mai.

Gian Antonio Bertalmia

Carmagnola piange il poeta e scrittore Gian Antonio Bertalmia

Il messaggio della Famiglia Bertalmia

Sono ormai trascorsi circa tre mesi dalla dipartita di Gian Antonio e ci manca: ci mancano la sua allegria (celebre resta il motto “Dove c’è un Bertalmia, c’è sempre allegria!“), la sua voglia di vivere, il suo scrivere ironico e appassionato. E poi manca il marito, il padre, il nonno…

Abbiamo pensato di ricordarlo con questa poesia inedita, intitolata “Dedicata alla mia Maestra”: Gian Antonio l’avrebbe recitata in una serata promossa dall’Associazione Arcancel nella chiesa di San Rocco che tanta aveva nel cuore, ma il fato avverso ha impedito tale evento.

Noi abbiamo voluto pubblicarla, grazie a “Il Carmagnolese”, e dedicarla alle nostre buone Maestre.
Oggi, 7 aprile, ricorre infatti la festa di San Giovanni Battista de La Salle, “patrono celeste presso Dio di tutti gli Insegnanti, come lo definì Pio XII che 70 anni fa lo elevò agli onori dell’altare.