A Racconigi un progetto per la conservazione della memoria storica

365

Nell’ambito del progetto “Vedere Non Vedere, No Present No Future” l’Associazione “Sul Filo della Seta” di Racconigi invita i cittadini a partecipare ad una raccolta collettiva per la conservazione della memoria storica. 

Il Museo della seta amplia la sua collezione

“Vedere Non Vedere, No Present No Future” è un progetto dell’Associazione “Sul Filo della Seta“, patrocinato dal Comune di Racconigi e realizzato col sostegno di Fondazione CRT, Fondazione CRC, Fondazione CRS e Banca CRS: l‘obiettivo è quello di organizzare una raccolta collettiva di oggetti e testimonianze per un museo della memoria storica locale, co-costruito con chi vorrà contribuire con le proprie fonti. 

Tutti i materiali e racconti diretti raccolti entreranno a far parte dell’Archivio del Museo della Seta di Racconigi, in formato digitale o, a discrezione dei proprietari del bene, come donazione all’associazione. 

Racconigi sulla “Via della seta” europea

Sempre nell’ambito del progetto, tutti i martedì fino a maggio il Museo della Seta ospiterà una postazione di studio “aperta”, utilizzabile per l’approfondimento individuale, il confronto professionale o la condivisione di pratiche, strumenti e artefatti sul tema dei beni culturali. Sarà possibile partecipare al riordino, inventariazione, catalogazione e digitalizzazione dei beni materiali e immateriali. 

Con queste iniziative e anche grazie alla rete di partenariato del progetto (Progetto Cantoregi, Amici della Storia di Racconigi, La Scatola Gialla, Camera di Commercio di Cuneo e la rete Censimento Fotografia), l’Associazione Sul Filo della Seta vuole sensibilizzare sulla tutela, conservazione e valorizzazione dei patrimoni materiali e immateriali a rischio oblio per renderli fruibili alla cittadinanza e alle generazioni future. 

Per partecipare alla raccolta e avere maggiori informazioni sulle iniziative del museo è possibile contattare l’indirizzo email sulfilodellaseta@libero.it

Il Museo della Seta di Racconigi propone incontri sui beni culturali