A Vinovo gli studenti decorano panchine per dire no al bullismo

373

Nel Comune di Vinovo è in corso un progetto per trasformare alcune panchine del territorio in un simbolo contro il bullismo e il cyberbullismo.

panchine bullismo
L’iniziativa è accompagnata da alcuni momenti di riflessione nelle scuole sul tema del rispetto per il diverso e dell’inclusione

A Vinovo alcune panchine del Comune verranno decorate dai ragazzi delle scuole medie, con il supporto degli insegnanti di arte, per diventare un simbolo concreto della lotta al bullismo e al cyberbullismo.

Tutto è nato dall’iniziativa di quest’autunno di dedicare a Emanuela Urso, vittima di femminicidio, la panchina rossa di fronte al municipio -spiega Maria Grazia Midollini, assessore alla Cultura del Comune di Vinovo- I ragazzi sono rimasti molto colpiti da questo evento e da lì sono partiti dei momenti di riflessione in classe sul tema del rispetto per l’altro e dell’inclusione”. 

Vinovo: una panchina in memoria di Emanuela Urso, vittima di femminicidio

Grazie a questo progetto, le riflessioni fatte in classe dagli alunni verranno trasformate in disegni che andranno a decorare due panchine al centro di Vinovo e due nella zona di Garino.

Le panchine potranno diventare un punto di ritrovo per i ragazzi e anche un invito a riflettere per tutto il territorio.

La realizzazione di questo progetto è stata ispirata anche da una iniziativa del Museo di Arte Urbana (MAU) di Torino; alcuni artisti hanno dipinto delle panchine in piazza Moncenisio, dedicandole ai maestri dell’arte contemporanea –continua Midollini– Partendo da questa idea, in collaborazione con gli insegnanti delle scuole medie, abbiamo pensato potesse essere interessante far fare agli alunni la stessa cosa, focalizzando i disegni sul tema del bullismo e dell’inclusione”. 

I primi murales mangia smog a Torino, aperto il bando per giovani artisti

I ragazzi hanno già elaborato alcuni dei disegni che andranno sulle panchine e tutti i materiali per la realizzazione verranno forniti dal Comune di Vinovo.

Lavorare con le scuole è sempre stimolante, perché l’apporto che gli studenti possono dare alla comunità intera è fondamentale –conclude l’assessore Midollini- Purtroppo a causa dell’emergenza sanitaria in corso non sappiamo ancora quali saranno le modalità di realizzazione del progetto, ma speriamo di riuscire a portare a compimento il tutto entro la fine di giugno“. 

Carmagnola: una panchina rossa per ricordare Teodora e Ludovico