A Vinovo un incontro per la Giornata della Consapevolezza sull’Autismo

444

Domenica 2 aprile l’associazione Cittadinanzattiva di Vinovo organizza un incontro informativo per la Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo.

Cittadinanzattiva Vinovo
L’incontro è organizzato per la Giornata Mondiale della consapevolezza sull’autismo

Si terrà la prossima domenica, dalle 9:30 alle 12:30 circa, un incontro di informazione e sensibilizzazione sull’Autismo alla Cascina parrocchiale Don Gerardo, in via San Bartolomeo 34 a Vinovo. L’iniziativa “Parliamo di spettro dell’autismo“, patrocinata dal Comune di Vinovo e dall’Asl TO5, è organizzata dalla sezione Vinovese dell’associazione Cittadinanzattiva APS.

L’evento è realizzato per la celebrazione della Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo, che si tiene il 2 aprile. Si tratta di una giornata di sensibilizzazione sul tema dell’autismo e sui diritti e le tutele delle persone nello spettro autistico, istituita nel 2007 dall’Assemblea Generale dell’ONU.

Vinovo, il dottor Mario Costa è stato eletto “Cittadino attivo” del 2021

L’incontro, di natura informativa, riguarderà non solo il tema dei disturbi dello spettro autistico, ma anche le risorse presenti a livello locale in materia di autismo.

Prenderanno parte alla mattinata diverse figure istituzionali: la pediatra di base dr.ssa Laura Becchino, la neuropsichiatra infantile dell’Asl TO5 dr.ssa Daniela Clauser, la psicologa dell’infanzia dr.ssa Sabrina Rosellino e la psicologa Silvia Chieregato, che si occupa di autismo in età adulta nell’Ambulatorio Regionale Esperto per l’Autismo in età adulta; gli assistenti sociali del CISA 12 dr.sse Vitillo e Crescente, gli operatori della Istituto Comprensivo di Vinovo dott.sse Silvana Appendino, Sara Maffei e Chiara Zanfabro.

Sarà inoltre presente la presidente provinciale dell’Associazione Nazionale Genitori perSone con Autismo (ANGSA TORINO Odv) Arianna Porzi, che modererà un tavolo di confronto con Neuropeculiar, un gruppo di persone neurodivergenti, sul tema del nuovo paradigma socio-culturale, che normalizza il concetto di neurodiversità e valorizza la varietà dell’espressione umana.

Un vinovese alla Scuola nazionale per attivatori civici