Natale: l’Accademia di alta cucina di Piobesi per la Comunità di Sant’Egidio

689

I cuochi dell’Accademia di alta cucina IFSE di Piobesi Torinese e l’Associazione provinciale Cuochi della Mole al servizio della Comunità di Sant’Egidio: prepareranno i pasti di Natale per chi si trova in difficoltà.

accademia alta cucina natale
L’Accademia di alta cucina IFSE di Piobesi Torinese al servizio della Comunità di Sant’Egidio: preparerà i pasti natalizi per chi è in difficoltà

L’Accademia di alta cucina IFSE di Piobesi collabora con l’Associazione provinciale Cuochi della Mole per la preparazione del pranzo di Natale a favore della Comunità di Sant’Egidio.

Il pasto sarà destinato ai senzatetto, agli anziani e alle famiglie in difficoltà, in particolare in questo anno difficile a causa della pandemia Covid-19.

A causa delle restrizioni sanitarie, il pasto natalizio non sarà servito nella chiesa dei Santi Martiri di via Garibaldi a Torino, come avveniva di solito gli anni scorsi: i volontari consegneranno il pasto direttamente a casa degli anziani e delle famiglie che si trovano in difficoltà oltre ai dormitori dove si trovano i senzatetto.

Contagi Covid ancora in calo nel Carmagnolese, decisive le festività natalizie

Il menù previsto per quest’anno sarà formato da antipasto, lasagne, bocconcini di tacchino con castagne e verdure, frutta fresca, panettone e spumante, caffè e cioccolatini: il tutto è preparato dai cuochi dell’Associazione provinciale Cuochi della Mole nelle cucine della scuola IFSE, nel castello piobesino. A sostegno del progetto ci sono anche Eataly, che mette a disposizione i propri prodotti alimentari per la realizzazione dei pasti, ed Engim Piemonte.

In questo 2020 il motto è “Un Natale diverso, ma con gli amici di sempre”. Saranno, infatti, un pranzo e una cena differenti rispetto a quelli degli altri anni, ma il calore dei volontari e degli addetti ai lavori non mancherà per far vivere un momento speciale a chi ne ha più bisogno“, commentano dall’Accademia di alta cucina e pasticceria IFSE.

I Cuochi della Mole trovano casa al Bobbio di Carignano