Alla Soms di Racconigi lo spettacolo “Medea – La passione e l’ira”

169

A Racconigi andrà in scena lo spettacolo “Medea – La passione e l’ira”, a cura della compagnia ʺTeatro degli Strilloniʺ. Appuntamento sabato 17 dicembre con la rappresentazione e martedì 6 dicembre con una serata di presentazione dell’opera.

Racconigi Medea
Lo spettacolo, che andrà in scena alla Soms di Racconigi, mette in luce la visione di Medea in piena pazzia per l’abbandono del marito

Medea, uno dei più celebri e complessi personaggi del mondo classico, sarà protagonista alla Soms di Racconigi, con uno spettacolo della pluripremiata compagnia ʺTeatro degli Strilloniʺ di Torino. L’appuntamento sarà sabato 17 dicembre, alle ore 20:45, con la rappresentazione “Medea – La passione e l’ira“, tratta da Seneca.

Lo spettacolo, che vede l’attrice Dana Caresio nel ruolo della protagonista, riduce il testo classico all’osso, rendendolo quasi un monologo, che mette in luce la visione di Medea in piena pazzia per l’abbandono del marito. La scenografia scarna, semplice ed essenziale, che ricorda quasi la stanza di un manicomio, contribuisce a creare nello spettatore l’illusione che i personaggi che interagiscono con Medea siano voci che arrivano dall’esterno e la affiancano nell’impeto di passione per Giàsone andato via.

La compagnia Sotterraneo porta in scena a Racconigi “Shakespearology”

La vera e propria messa in scena dello spettacolo sarà anticipata da una serata di presentazione dell’opera, martedì 6 dicembre, sempre alle ore 20:45 alla Soms, durante la quale saranno presenti il regista, Raffaele Montagnoli, e l’attrice che interpreta il ruolo di Medea, Dana Caresio. Nel corso dell’incontro verrà indagato il significato più profondo della storia di Medea, mito senza tempo, adatto ad ogni epoca.

ʺ La capacità di amare, la passione, sono senz’altro quanto di più bello e forte può provare l’essere umano: la mente si offusca, l’irrazionalità e la felicità prendono il sopravvento –commenta il regista Raffaele Montagnoli- Quando la passione viene disattesa, tradita, non ascoltiamo più chi ci parla di “ragione”. Oltremodo ottenebrati arriviamo, a volte, “alla follia”. A ripercorrere la strada di Medeaʺ.

Alla pinacoteca di Racconigi l’evento “Come nasce un ritratto”

La serata introduttiva allo spettacolo è compresa all’interno della rassegna culturale “Non di sola letteratura”, a cura della consigliera delegata all’UniTre, Giulia Porchietto, e del consigliere delegato alla cultura Andrea Capello.

Per vivere la cultura come un valore del territorio servono precise iniziative istituzionali, questa è una di quelle. La cultura, nelle sue molteplici espressioni, ha un immenso valore, è alla base della società –spiega la consigliera Porchietto– Quando se ne parla, spesso i giovani pensano a qualcosa di noioso, ma senza possederne una, non si va da nessuna parte. Per questo motivo la nostra città investe in cultura.“

A Racconigi la presentazione del libro “7 vite come i gatti”