Anche Carmagnola in un’indagine su biblioteche e lettura

90

Resi noti i risultati di un’indagine dedicata al ruolo delle biblioteche in Italia, a cui ha partecipato anche Carmagnola.

indagine biblioteche
Anche la biblioteca di Carmagnola ha preso parte all’indagine nazionale sul ruolo culturale e sociale delle biblioteche in Italia

Sono stati resi noti i risultati dell’indagine “La biblioteca per te”, la più vasta mai realizzata in Italia sul ruolo che le biblioteche di pubblica lettura hanno nella vita delle persone, sia a livello sociale che culturale, cui ha preso parte anche Carmagnola.

I risultati della ricerca forniscono un’interessante mappatura dei bisogni e delle attese delle comunità cittadine rispetto ai servizi offerti dalle biblioteche locali: analisi che consentirà di modellarle sempre più sui desideri delle collettività.

Nove serate dedicate ai libri e ai loro autori, la scommessa del Gruppo di Lettura Carmagnola

In quattro mesi, a cavallo fra dicembre e marzo, 67250 persone, utenti delle biblioteche civiche italiane, hanno risposto a un questionario fatto di domande semplici (quale biblioteca frequenti, quali servizi utilizzi, quali orari preferisci) ma, anche, personalizzate con approfondimenti che invitavano l’interlocutore ad esprimere liberamente il proprio sentire -spiegano da Rete delle Reti, promotori della ricerca- E’ proprio in questa sezione che sono emerse considerazioni importanti che richiamano i concetti di benessere e qualità della vita delle persone. Piccole storie, narrazioni brevi che definiscono appieno il sentimento indotto nelle persone da una biblioteca che viene identificata come un luogo libero, protetto, prossimo e familiare, dove nutrire relazioni sociali positive e crescere culturalmente“.

Il Comune di Carmagnola ha dato il proprio contributo a questa iniziativa attraverso il lavoro della biblioteca civica Rayneri-Berti.

Carmagnola lancia il “Patto per la Lettura”

Mi ha fatto molto piacere leggere i risultati di questa lodevole iniziativa e constatare quanto la lettura e le biblioteche siano ancora molto importanti in questa società sempre più dipendente dal digitale -commenta il sindaco, Ivana Gaveglio- La nostra Amministrazione ha ben presente questo tema, si impegna costantemente per mettere a disposizione della nostra biblioteca gli strumenti e i sostegni necessari affinché possa fornire al meglio i propri servizi, oltre a sostenere il Gruppo di Lettura Carmagnola e le diverse iniziative per la promozione del libro e della lettura, fin dalla prima infanzia“.

Cosa è cambiato nell’ultimo periodo per quanto riguarda la fruizione della biblioteca cittadina? “Il lockdown ha cambiato il modo di rapportarsi con il libro e la biblioteca, facendo emergere la funzionalità di diversi strumenti digitali messi a disposizione dalla Rete delle Biblioteche -sottolinea il sindaco- Ciò ha consentito agli utenti di non perdere il rapporto con la struttura e poter fruire comunque dei contenuti digitali e cartacei presenti anche nella nostra biblioteca. Il lavoro di quelle strutture, durante la pandemia ha dimostrato come, nonostante gli ostacoli, sia possibile innovarsi e trovare nuovi modi per sviluppare le proprie passioni, la cultura, le conoscenze e le proprie fantasie”.

“Il libro del mercoledì”: ecco i nomi della kermesse letteraria di Carmagnola