Carmagnola: via libera all’intervento di recupero dell’area ex Teksid Ghisa

259

La Giunta Gaveglio ha approvato una variante urbanistica che porterà, nei prossimi mesi, alla realizzazione della dorsale nord-sud, e darà il via alla riqualificazione dei terreni ex Teksid Ghisa a Carmagnola.

Uno degli edifici rimanenti dell’ex stabilimento Teksid Ghisa di Carmagnola: grazie a investimenti privati di oltre 2,5 milioni di euro, l’area dovrebbe essere a breve riqualificata, per dare spazio a nuovi insediamenti produttivi e terziari (foto © Il Carmagnolese)

Il 2023 potrebbe essere l’anno di svolta per il recupero dell’area ex Teksid Ghisa di Carmagnola, che prevede la realizzazione di una nuova viabilità di scorrimento e l’insediamento di diverse realtà produttive: un intervento di iniziativa privata, dal valore totale stimato in oltre 2,5 milioni di euro.

La Giunta ha infatti recentemente approvato la variante urbanistica non sostanziale alle opere di urbanizzazione; sarà quindi possibile procedere a breve anche con il rilascio del permesso di costruire, che ha peraltro già ottenuto il parere favorevole da parte della Commissione Edilizia comunale.

ex Teksid Ghisa Carmagnola
Il progetto del Piano Edilizio di iniziativa privata per la riconversione dell’ex area industriale: al centro, la cosiddetta “dorsale nord-sud” che collegherà direttamente via Poirino con via Torino, evitando il centro cittadino [click per ingrandire]
Nel corso del 2023 i soggetti attuatori potranno così procedere alla realizzazione del tratto di dorsale che consentirà di collegare la strada già realizzata (che va da via Poirino, all’altezza della rotonda con l’area Bennet, fino a via Umberto II, ndr) con via Rubatto e, contestualmente, potranno procedere ad attuare la riqualificazione dell’area produttiva“, spiega il sindaco Ivana Gaveglio.

L’importante opera viaria -denominata “dorsale nord-sud” e per la quale è stata prevista una spesa complessiva di circa 850 mila euro– sarà infatti realizzata dalle aziende che intendono insediarsi nell’area ex Teksid Ghisa, senza costi per il Comune di Carmagnola.

Molino Chiavazza prepara l’insediamento a Carmagnola

Si tratta, sostanzialmente, di un nuovo tratto rettilineo di strada che collegherà l’area terziaria di Santa Rita al sottopasso di via Rubatto e, da lì, alla doppia rotonda di via Torino, all’inizio del borgo storico di Salsasio.

Oltre a servire la nuova area produttiva, potrebbe quindi consentire anche di snellire la viabilità interna, facendo da bypass tra l’asse di via Poirino e la viabilità ordinaria verso il capoluogo e fornendo così un’alternativa all’attraversamento della città (ovviamente non sostitutiva della futura tangenziale nord-est, che permetterà di evitare anche tutto l’abitato di Salsasio).

Via libera alla progettazione per completare la tangenziale di Carmagnola

Nel frattempo il Comune ha avuto notizia che sono in fase di predisposizione i progetti per l’insediamento di nuove realtà con destinazione produttiva, manufatturiera e terziaria -tra cui il Molino Chiavazza– sui terreni un tempo occupati dalle fonderie di Ghisa, che negli anni Settanta davano lavoro a circa quattromila persone.

La nostra Amministrazione e gli uffici hanno lavorato in questi anni per facilitare il più possibile un rapido recupero di quell’area, dismessa da oltre vent’anni -conclude il sindaco- Ora le tempistiche dipendono interamente dai privati, ma sono fiduciosa che il 2023 possa essere l’anno di svolta per l’ex Teksid Ghisa“.

Edifici dismessi, opportunità per il futuro