Comunali nel Carmagnolese: i sindaci eletti in Provincia di Torino

3122

Poirino sceglie la continuità con Angelita Mollo, che sbaraglia gli altri quattro candidati, mentre solo 34 voti fanno la differenza a Piobesi, che riconferma Demichelis. Plebiscito per Pochettino a Pancalieri.

 

Sindaci Angelita Mollo Poirino
Angelita Mollo, riconfermata sulla poltrona di sindaco a Poirino

Sindaci uscenti riconfermati a Poirino e Piobesi Torinese, mentre Pochettino vince la sfida di Pancalieri e Moschietto si impone a Pralormo. Eletti anche Sandrone a Castagnole e Abate a Vigone, che correvano in solitaria.
Questi, in dettaglio, i risultati delle elezioni amministrative nei Comuni del torinese vicini a Carmagnola.

A Pancalieri è stato un plebiscito per Luca Pochettino, 50 anni, geometra, che con la lista civica “Pancalieri nel cuore” ha raccolto quasi il 78% delle preferenze, staccando il giovane praticante avvocato Oscar Calavita di “Con noi per Pancalieri”, al 22%. Alle urne per le comunali due pancalieresi su tre.

Solo 34 voti, invece, hanno fatto la differenza a Piobesi Torinese, dove a spuntarla è stato Fiorenzo Demichelis, che vince un nuovo mandato da sindaco con “Viviamo Piobesi” (1.164 voti, il 50,7%). Esce sconfitto a testa alta Filippo Gauthier di Confiengo, alla guida della lista “Continuità e rinnovamento” (1.130 voti, 49,3%). Affluenza del 74%.

La sfida tra cinque candidati a Poirino ha visto il trionfo del sindaco uscente Angelita Mollo, con la lista “La svolta” (sostenuta anche da parte dell’ex minoranza di Poirino Pulita): per lei 2.611 voti, pari al 45,8%.
Mollo, 51 anni, è in Amministrazione dal 1995: oltre al mandato da sindaco nell’ultimo quinquennio, ha ricoperto anche i ruolo di vicesindaco e assessore, oltre a una legislatura come consigliere di minoranza (ma con 534 preferenze personali).
Secondo classificato alle comunali di Poirino, ma con circa la metà dei voti rispetto a Mollo, si è piazzato l’ex maresciallo Leonardo Renzo, candidato di “Insieme per Poirino”, con 1.471 voti (25,8%). Al terzo posto con il 17,9% (1.020 voti) la Lega, che correva con la propria candidata Denise Burdet. Niente doppia cifra, infine, per Giuseppe Stuardi e gli ambientalisti di “Poirino unita in movimento” (6,2%, 354 voti) e per Rita Fratini, con la lista civica “Un futuro per Poirino” (4,3%, 246 voti).
Il 70% dei poirinesi si è recato al voto.

Tre i candidati in lizza a Pralormo, dove si è visto un testa a testa tra Mario Moschietto -supportato dalla lista “Per Pralormo” ed eletto primo cittadino con il 47,5%- e Lorenzo Fogliato, al 42,7% con “Pralormo Futura”. Distanziato, invece, Giuseppe Barcellona di “Puntare in alto”, al 9,8%. Affluenza del 69,4%.

Infine, a Castagnole Piemonte e Vigone è stato raggiunto il quorum di partecipazione (con un’affluenza, rispettivamente, del 63% e del 59%), confermando l’elezione di due aspiranti sindaci candidati in corsa solitaria: a Castagnole è l’uscente Mattia Sandrone a essere riconfermato alla guida del Comune, mentre primo cittadino vigonese diventa Luciano Abate, vicesindaco uscente.