Amministrative 2019 nel Carmagnolese, tutte le sfide per diventare sindaco

577

Domenica si vota per eleggere il sindaco a Ceresole d’Alba, Pancalieri, Piobesi Torinese, Polonghera, Poirino e Villastellone.

 

Elezioni comunali sindaco

Domenica 26 maggio -in parallelo alle elezioni Europee e Regionali- vanno al voto anche numerosi Comuni del Carmagnolese, per il rinnovo dei rispettivi Consigli comunali e l’elezione diretta del sindaco, che resterà in carica per i prossimi cinque anni.

In tutti i Comuni si voterà con turno unico: verrà eletto il candidato che riceverà più voti e che, automaticamente, otterrà la maggioranza dei seggi in Consiglio.
In caso di unica candidatura, è invece sufficiente che si rechino alle urne il 50% più uno degli aventi diritto.

A Ceresole d’Alba il sindaco uscente Franco Olocco si ripresenta, affiancato da alcuni esponenti dell’attuale Amministrazione, tra cui il suo vice Matteo Sona. A sfidarlo, una “veterana” delle elezioni nel Comune roerino, Margherita Demichelis.

Niente ricandidatura, invece, per l’attuale sindaco di Pancalieri, Claudia Virano, che lascia la politica cittadina insieme all’ex primo cittadino, Fiorenzo Gamna.
A confrontarsi saranno invece il geometra Luca Pochettino, 50 anni, a capo di una lista in cui figura anche l’ex assessore Leontino, e il giovane Oscar Calavita, laureato in giurisprudenza.

A Piobesi Torinese si fronteggiano due candidati sindaco: il primo cittadino uscente, Fiorenzo Demichelis, classe 1965, funzionario amministrativo in una Compagnia di assicurazioni, che si presenta con la lista “Viviamo Piobesi”. A contendergli la poltrona di primo cittadino sarà Filippo Gautier di Confiengo, pensionato, classe 1946, con la lista “”Continuità e rinnovamento”.

Nel Comune di Polonghera, invece, corsa “in solitario” per Gian Maria Bosco, già presidente della Pro Loco e attivo in numerose associazioni locali.

Poirino vedrà quindi la sfida tra ben cinque candidati. Il sindaco uscente Angelita Mollo, con la lista “La svolta” (sostenuta anche da parte dell’ex minoranza di Poirino Pulita), punta al secondo mandato. In campo quindi Leonardo Renzo, maresciallo dei Carabinieri in pensione, alla guida di “Insieme per Poirino”, lista supportata da Giovanni Crivello (candidato cinque anni fa); Giuseppe Stuardi con gli ambientalisti di “Poirino unita in movimento”; Rita Fratini, che guida la lista civica “Un futuro per Poirino”, e Denise Burdet, sotto il simbolo della Lega.

A Villastellone, infine, è sfida a due tra Francesco Principi, vice-sindaco uscente, che guida la lista civica “Insieme per Villastellone”, e l’ex dirigente scolastico Vincenzina Ganci, a capo della lista “Villastellone per tutti”.