Castagnole in fermento per il Giro d’Italia, arriva il “Museo a cielo aperto”

441

Il Comune di Castagnole “corre” verso la tappa del Giro d’Italia del 9 maggio: si rinnova il volto del paese e si inaugura il progetto “Museo a cielo aperto”.

castagnole museo cielo aperto
Un dettaglio del nuovo murales realizzato a Castagnole Piemonte in occasione del passaggio del Giro d’Italia domenica 9 maggio (fonte: pagina Facebook Comune di Castagnole Piemonte)

La Comunità di Castagnole Piemonte è in fermento per il passaggio del Giro d’Italia nel paese, che avverrà domenica 9 maggio. Continuano i preparativi presso il Comune, che rinnova parte del volto del proprio borgo per accogliere i ciclisti e coloro che vorranno assistere alla competizione sportiva.

Una delle novità presentate da poco ai castagnolesi è il murales dal titolo “Corriamo per la salute”, ideato all’interno del progetto “Museo a cielo aperto“. L’opera artistica è stata realizzata da due writer dell’associazione Monkeys Evolution: Luca Daniele Pellizzari (alias PLZ) e Berny Scursatone, “Zeta”.

Chiunque può osservare l’impresa dei due artisti lungo la circonvallazione di collegamento tra None, Castagnole e Virle, vicino alla rotonda di via Martiri della Libertà. Il luogo scelto non è casuale: si tratta di un muro del magazzino comunale che si affaccia proprio su quello che sarà il percorso della seconda tappa del Giro d’Italia.

I due writer dell’associazione Monkeys Evolution che hanno realizzato il murales a Castagnole: Luca Daniele Pellizzari (PLZ) e Berny Scursatone (Zeta) (fonte foto: Facebook)

L’obiettivo del progetto ricordiamo essere la creazione di una rete tra i Comuni limitrofi per la riqualificazione di alcune zone più o meno degradate, o che si prestano alla tematica, attraverso interventi artistici come murales, collocazioni di opere artistiche su pannelli e tutto quello che potrebbe nascere dall’ispirazione artistica -spiega l’Amministrazione comunale- Si tratta di un vero e proprio “Museo a cielo aperto”, un percorso artistico che porti il turista a conoscere le diverse realtà dei paesi coinvolti, partendo dalle attività degli artisti per poi arrivare ad uno sviluppo in futuro di opportunità di espressione più allargata“.

Il filo conduttore scelto per l’intero progetto è la Costituzione italiana, “una trama ad ampio raggio in cui ogni Comune potrà ritrovare la propria identità e calarla nella propria vita quotidiana“, aggiungono dal municipio.

Castagnole si prepara al passaggio del Giro d’Italia 2021

Attraverso l’arte, ogni articolo, legge e fondamento del documento della Repubblica Italiana potranno essere trasformati in messaggi innovativi ma diretti, per attirare l’attenzione anche di coloro che non si erano mai avvicinati a questa tematica.

In questo caso è stato identificato l’articolo 32: la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo ed interesse della collettività ed essa trova la sua espressione in campo sportivo, in primo luogo, nel diritto all’integrità fisica collegato alla scelta di vita che il soggetto ha effettuato” racconta l’amministrazione nel presentare l’iniziativa.

castagnole museo cielo aperto
Il murales realizzato a Castagnole Piemonte, che inaugura il progetto “Museo a cielo aperto” e festeggia lo sport (fonte foto: Facebook)

Il progetto del “Museo a cielo aperto” non è intenzionato a bloccarsi con questo murales: l’amministrazione comunale ha infatti anche coinvolto i bambini, che all’interno delle scuole di Castagnole hanno utilizzato la loro fantasia per produrre disegni ispirati ad altri articoli della Costituzione italiana. Queste idee potrebbero poi essere utilizzate dai writers per creare nuovi murales all’interno del Comune di Castagnole Piemonte.

Un’ulteriore novità sul territorio castagnolese è il rinnovo della rotatoria di via Pertini, collocata nel tragitto del Giro d’Italia. Era stata affidata tempo fa dall’amministrazione comunale ai volontari per l’ambiente del paese, con l’obiettivo che fosse sistemata e valorizzata tramite il progetto “Un fiore sospeso“: grazie a questa iniziativa verranno aggiunti fiori e colori per donare vivacità e allegria.

La rotonda è stata allestita da Dario Giordano, responsabile della Protezione civile, che ha realizzato il logo stilizzato e le scritte presenti all’interno della rotonda, visibili sia per chi arriva da Virle che da None: il Comune lo ringrazia anche per la sua continua assistenza per le restanti attività di abbellimento, così come la Protezione civile in generale per il continuo supporto, soprattutto in occasione della Corsa Rosa; per la competizione si vedrà infatti la collaborazione anche dei paesi limitrofi.

La rotatoria di via Pertini, abbellita e decorata da Dario Giordano e dai volontari dell’ambiente in occasione del passaggio del Giro d’Italia (fonte foto: Facebook)