Alberi, Tari e Palazzo civico animano il Consiglio comunale di Carmagnola

167

Al centro delle interpellanze discusse nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale di Carmagnola, l’abbattimento degli alberi in via Sella, le bollette Tari in ritardo e la riorganizzazione della struttura comunale.

Alberi via Sella Consiglio comunale Carmagnola novembre

L’ultima seduta del Consiglio comunale di Carmagnola ha affrontato diversi temi di interesse per la città.
In particolare, dopo aver discusso della situazione della Bisconova, l’Assise civica è entrata nel merito delle altre interpellanze presentate dalle Opposizioni.

Il Partito Democratico ha chiesto spiegazioni per quanto riguarda i recenti abbattimenti di alberi in via Quintino Sella. “Erano necessari? Sono stati consultati degli esperti prima di intervenire?“, hanno chiesto i consiglieri Dem.
La risposta, che ha soddisfatto gli interpellanti, è venuta dall’assessore ai lavori pubblici, Alessandro Cammarata: “Quelle piante dovevano essere abbattute e lo abbiamo fatto, dopo aver ovviamente sentito i pareri tecnici. Il marciapiede risultava sconnesso, a causa proprio delle radici degli olmi siberiani presenti in quel tratto di strada, che in passato avevano già causato danni alle linee elettriche. Verranno comunque sostituiti con essenze autoctone, nell’ambito del progetto di creazione della pista ciclabile che unirà la stazione a San Giovanni, passando per l’area degli impianti sportivi. Si è trattato di un intervento necessario“.

Il Movimento 5 Stelle ha invece sottolineato i ritardi nella bollettazione della Tari. “Il Consorzio Chierese per i Servizi, cui abbiamo girato l’interpellanza, ha risposto che si è trattato di un disservizio causato da un’azienda terza, cui era stato esternalizzato il servizio, e che si è verificato in tutti i 19 Comuni serviti -ha dichiarato l’assessore all’igiene urbana, Massimiliano Pampaloni Ci è stato ricordato che non sono comunque previste more o sanzioni per chi ricevesse in ritardo il modello di pagamento, ma il mancato ricevimento non giustifica dal non pagare la Tari“.
Pampaloni ha però annunciato che il Comune di Carmagnola sta cercando di riportare in house tutto il servizio di bollettazione (“studiando magari una formula più al passo con i tempi rispetto all’invio di lettere che non arrivano“) anche per avere controllo diretto sul flusso di cassa dei pagamenti.
Critiche al Consorzio sono quindi giunte anche dal capogruppo grillino, Sergio Lorenzo Grosso, che ha proposto al Comune di inserire penali per il Ccs in caso di ulteriori disservizi.

Una terza interpellanza ha infine affrontato quella che il Pd ha definito “l’ennesima riorganizzazione della macchina comunale“, in riferimento a una recente delibera che rivede la macro-struttura di Palazzo Civico. Per i democratici, in particolare, questa decisione, così come impostata, “pare dare troppi poteri all’Amministrazione nella scelta di chi ricoprirà i ruoli-chiave nella varie Ripartizioni“.
Una teoria respinta al mittente dai banchi della Giunta: “Visti alcuni pensionamenti previsti tra i capi ripartizione, abbiamo scelto di rivedere l’organizzazione generale del Comune, per renderlo più efficiente e funzionale rispetto alle attuali esigenze -ha replicato l’assessore al personale, Antonietta SauPur dando possibilità ai dipendenti di auto-candidarsi, le scelte saranno fatte in base a criteri oggettivi, pur con la discrezionalità che la legge assegna al sindaco nella scelta“.
Ha aggiunto il sindaco Gaveglio: “Non si tratta una riorganizzazione ma solo una riattribuzione di competenze, che serve a fare maggiore chiarezza su ruoli e mansioni“.

Tra le altre tematiche affrontate dal Consiglio comunale di Carmagnola, anche la possibilità di una pista ciclabile su via San Francesco di Sales (per ora non a progetto); lavori alla biblioteca civica; Informagiovani, lavoro e politiche giovanili (che diventerà anche una sorta di “Piazza dei Mestieri”, con ampio spazio alla formazione professionale) e riqualificazione delle aree commerciali cittadine, con particolare riferimento all’utilizzo degli oneri di mitigazione.

In apertura di seduta, invece, applausi per i giovanissimi rappresentanti del Consiglio comunale delle Ragazze e dei Ragazzi di Carmagnola, presenti in aula per l’approvazione del regolamento che istituisce ufficialmente questo organo.