Ruffino (FI): “più tempo per le osservazioni sul deposito nucleare”

1503

L’onorevole Daniela Ruffino, deputata di Forza Italia, ha affermato che il Ministero dell’Ambiente concederà più tempo per le osservazioni tecniche in merito al futuro deposito nucleare italiano.

Ruffino deposito nucleare Carmagnola
L’onorevole Daniela Ruffino a Casanova, con l’assessore Surra e i consiglieri di Forza Italia di Carmagnola, durante il recente sopralluogo sui territori minacciati dalla possibile installazione del deposito nucleare nazionale (foto: pagina Facebook on. Daniela Ruffino)

I Comuni avranno più tempo per presentare le proprie osservazioni in merito alla realizzazione del futuro deposito nucleare italiano: lo ha annunciato Daniela Ruffino, deputata di Forza Italia, che aveva presentato un’interrogazione urgente al Governo sulla questione che da dieci giorni vede coinvolto direttamente anche il territorio carmagnolese.

Il sottosegretario all’Ambiente, Roberto Morassut, rispondendo alla mia interrogazione, ha confermato quanto da noi richiesto, ovvero che saranno previsti tempi più lunghi, alla luce della crisi pandemica, per il dibattito pubblico e la consultazione dei documenti al fine di garantire tempi congrui alle amministrazioni interessate per valutare i dossier, la correttezza e portare le proprie osservazioni sulle aree potenzialmente idonee ad ospitare il deposito definitivo per lo stoccaggio nazionale dei rifiuti radioattivi“, ha dichiarato la deputata di Forza Italia.

Deposito nazionale delle scorie nucleari, è pubblica la mappa dei 67 siti idonei in Italia

Si tratta di una decisione tardiva ma che va incontro alle legittime richieste dei tanti sindaci, che abbiamo fatto nostre, e che non potevano rimanere inascoltate, poiché si tratta di scelte complesse e con risorse limitate -prosegue Ruffino- Per quanto ci riguarda, vigileremo perché il Governo mantenga fede agli impegni assunti, ovvero ad un sempre maggior coinvolgimento degli amministratori locali e dei cittadini: alle buone parole, ora seguano i fatti”.

Alla base della richiesta, la convinzione che i 60 giorni previsti inizialmente, tanto più con le attuali condizioni di emergenza sanitaria, fossero un termine troppo breve per poter effettuare consultazioni, studi e ricerche a livello locale, ma anche per esaminare la corposa documentazione che ha portato lo Stato a scegliere.

Preghiere e benedizioni contro il deposito di scorie nucleari a Carmagnola

Nei giorni scorsi, Ruffino si era recata a Casanova e dintorni per un sopralluogo, accompagnata dagli esponenti locali di Forza Italia: “Ho raccolto le preoccupazioni e le informazioni che mi permetteranno di portare la loro voce in Commissione ambiente -ha dichiarato l’onorevole- Parlo di aree che vedranno deturpato il paesaggio, danneggiate le produzioni tipiche, rovinato il contesto, con pesanti ricadute anche su quel che resta del turismo e dell’occupazione. Questo vale per Carmagnola, per Poirino, per molti altri Comuni del Piemonte. Gravissimo acme il mancato coinvolgimento dei sindaci!”.

La notizia del maggior tempo a disposizione è stata accolta positivamente anche dal Comune di Carmagnola, che tramite la propria pagina Facebook ufficiale ha comunque rilanciato sulla necessità di proseguire la mobilitazione, compresa la firma della petizione online lanciata nei giorni scorsi.

Firme anti nucleare a Carmagnola, la petizione va online