Al via l’impresa di Fabrizio Bruno sulle acque del fiume Po

747

L’adventure man Fabrizio Bruno si appresta a percorrere i 700 km del fiume Po su una bicicletta galleggiante. Lanciato il concorso “Catch the Bike”.

Fabrizio Bruno fiume Po
Fabrizio Bruno percorrerà il fiume Po dalla sorgente alla foce su una speciale bicicletta galleggiante

Al via l’impresa sportiva sul fiume Po di Fabrizio Bruno, che percorrerà i 700 chilometri del corso d’acqua a bordo di una bicicletta galleggiante.

Da Crissolo, subito sotto la sorgente del Po a Pian del Re, fino all’Adriatico, oltre duemila metri di dislivello attraversando la pianura padana da ovest a est, viaggiando sul fiume più lungo d’Italia.
Questa la sfida di Fabrizio Bruno, “adventure man” di comprovata esperienza, che su un mezzo analogo ha già attraversato lo Stretto di Gibilterra, segnano un primato molto originale: quello di essere il primo uomo ad avere raggiunto il Marocco dalla Spagna pedalando su di una bicicletta galleggiante.

Questa lunga pedalata sull’acqua all’inizio dell’estate 2020 vuole sottolineare l’uscita dalla fase di confinamento più critica dovuta all’emergenza sanitaria seguita alla diffusione del Covid-19 e vuole essere un omaggio alla possibilità di raggiungere l’acqua del
Mare Mediterraneo, partendo dalle montagne e navigando sul fiume“, commenta Fabrizio Bruno prima della partenza.

E aggiunge: “La bicicletta muscolare, intesa come strumento di piacevole viaggio lento e armonioso, attraverso i parchi, le aree protette, le coltivazioni e le zone industrialmente più attive della pianura padana, toccando il territorio di 183 Comuni e unendoli in una pedalata di augurio per un futuro sereno!“.

Giornata Mondiale della Bicicletta 2020, due ruote per ripartire

Sarà possibile seguire Fabrizio sul web, tramite la sua pagina Facebook o il suo sito, oppure direttamente lungo il fiume, dove si svolgerà anche l’iniziativa “Catch the bike” (Cattura la bici): un invito rivolto a tutti gli appassionati a cercare, trovare, filmare e fotografare Fabrizio con ogni mezzo possibile, pedalando o navigando con lui sul fiume o lungo gli argini.

Ogni giorno le cinque migliori immagini e i due migliori filmati di 30 secondi verranno messi online e, a fine viaggio, il miglior video o la migliore fotografia (giudicati insindacabilmente dallo staff dell’evento) riceveranno in omaggio una macchina fotografica impermeabile.

Al termine dell’evento, previsto a inizio luglio, verrà realizzato un video della discesa e Fabrizio scriverà un libro dedicato all’exploit che sarà disponibile presso i normali canali di distribuzione editoriale.
Non si tratta di un’impresa commerciale e non ci sono sponsor a sostenere l’iniziativa.

Rallentare l’invecchiamento pedalando: la bicicletta aiuta a restare giovani