Falsa lettera del Comune di Carmagnola: è un tentativo di truffa?

852

Il Comune di Carmagnola denuncia la presenza di una lettera falsa, con firma del sindaco Gaveglio, recapitata in alcune buche della città: “potrebbe essere una truffa”.

falsa lettera comune carmagnola truffa
La falsa lettera intestata “Comune di Carmagnola”: nasconde un tentativo di truffa?

Una lettera falsa per truffare i cittadini di Carmagnola? Il Comune è stato informato che in questi giorni alcuni cittadini hanno trovato nella propria buca delle lettere una comunicazione con oggetto “Il comune di Carmagnola dà dei servizi per lavorare” nella quale si indica di compilare un modulo allegato per essere richiamati per un colloquio di lavoro.

La lettera è probabilmente un tentativo di acquisizione dei dati personali -dichiarano da Palazzo- Si invitano i cittadini a fare attenzione e a non compilare il modulo allegato perché la comunicazione è falsa e non è stata inviata dal Comune”.

La lettera -che contiene anche alcuni grossolani errori grammaticali e di ortografia– riporta il seguente testo: “il comune di Carmagnola da dei servizi alle persone che non trovano il lavoro, questo messaggio viene spedito per loro […] le persone che vogliono avere delle informazioni che vorrebbero lavorare devono rispondere alla lettera, le persone che stanno cercando lavoro devono compilare un documento con i dati richiesti, appena lo farete fra un paio di settimane verrete ricontattati per un colloquio di lavoro. Il postino verrà a ritirarle molto presto. Dovete compilarle ed lasciare nella vostra cassetta delle lettere dove l’avete trovata”.

Fiera del Peperone, il Comune di Carmagnola denuncia una possibile truffa

Aggiungono dall’Ente: “Il contenuto e la firma in calce alla lettera (attribuita al sindaco Ivana Gaveglio, ndr) sono palesemente false: è stata sporta denuncia alle competenti autorità che indagheranno in proposito per individuare gli autori e le finalità del gesto“.

Si ricorda che il Comune di Carmagnola non raccoglie dati dei cittadini se non attraverso i canali ufficiali: come gli sportelli degli uffici pubblici, il Protocollo, il sito istituzionale e i servizi accessibili con Spid.

Un opuscolo dei Carabinieri contro le truffe agli anziani